Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Alessandria, Artico: "Ho commesso degli errori, tutti li abbiamo fatti. O non saremmo in C"

Alessandria, Artico: "Ho commesso degli errori, tutti li abbiamo fatti. O non saremmo in C"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
giovedì 12 maggio 2022, 00:04Serie C
di Tommaso Maschio

Il direttore sportivo dell’Alessandria Fabio Artico ha tenuto una conferenza stampa dopo l’amara retrocessione in Serie C della squadra dopo appena una stagione in cadetteria: “In una stagione in cui la mia squadra è retrocessa è evidente che abbia fatto degli errori, sono passati cinque giorni e sono stati molto difficili anche dal punto di vista emotivo. Ogni giorno trasformo rabbia, delusione e amarezza in una riflessione sul mio operato. Mi ritengo umile e so di aver sbagliato, sia nelle valutazioni tecniche sia in quelle di gestioni perché potevo intervenire in certi momenti di difficoltà. La retrocessione è arrivata all’ultima giornata, per un punto, dopo una stagione in cui abbiamo pagato lo scotto del salto di categoria e in cui siamo andati poi in difficoltà nella seconda parte di stagione e specialmente nel finale. Sicuramente abbiamo pagato il fatto di essere arrivati tardi in Serie B, l’Alessandria si è ritrovata in una Serie B come quella di quest’anno dove la competizione era molto alta, con società che hanno potenziali economici enormi come per esempio il presidente del Vicenza Rosso ha rilasciato un’intervista nella quale ha affermato di aver dato, a gennaio, mandato al proprio direttore di comprare chi voleva con un budget illimitato. Noi ci siamo trovati a competere con realtà più strutturate e più grosse di noi, ma questo non è un alibi per la retrocessione. Potevamo salvarci, ci è mancato un pezzettino che deve essere ricercato in tutte le componenti. Tutti abbiamo sbagliato qualcosa, dalla società ai giocatori passando per me e l’allenatore. - continua Artico come riporta Grigionline - Mercato di gennaio? La scelta è stata di equilibrio e sostenibilità economica, finanziaria e strategica. Siamo arrivati a gennaio dopo un ciclo di partite che ci hanno portato punti e buone prestazioni, ma non pensavamo di essere salvi, eravamo quasi neanche usciti dalla zona retrocessione. Abbiamo fatto il mercato che potevamo fare prendendo profili in linea con le strategie. Marconi? Sicuramente ha deluso le aspettative, ma a luglio era il migliore che potevamo prendere visti i suoi 28 gol in 65 gare nelle due stagioni precedenti. Era il quarto capocannoniere negli ultimi tre anni di serie B e veniva ad Alessandria. Ripeto, in quel momento era il miglior attaccante che potevamo prendere. Evidentemente le otto giornate di squalifica ci hanno aiutato, altrimenti lo avrebbero cercato società più grandi. Senza la squalifica forse non sarebbe venuto ad Alessandria. Credo che anche lui sappia di aver deluso, non penso sia contento dell’annata che ha fatto”.