Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
esclusiva

Imolese, Deni: “Dalla vecchia proprietà debiti e sei rinnovi prima del closing”

ESCLUSIVA TMW - Imolese, Deni: “Dalla vecchia proprietà debiti e sei rinnovi prima del closing”TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 9 dicembre 2022, 21:35Serie C
di Alessio Alaimo

Nuova avventura tra i professionisti per Giuseppe Deni, da qualche settimana proprietario dell’Imolese. Ma come procede tra i professionisti per il nuovo numero uno del club arrivato dall’Akragas? “Sono un po’ deluso, dopo il closing abbiamo scoperto che c’erano alcuni debiti in più. Mi aspettavo una cosa più tranquilla. E poi la vecchia proprietà ha fatto qualche azione non particolarmente ortodossa”, spiega Deni a Tuttomercatoweb.

A cosa si riferisce?
“Venti minuti prima del closing hanno rinnovato i contratti a sei persone dello staff tecnico”.

E ora le tocca pagarli…
“Ce li abbiamo sul groppone. Come gli stipendi di settembre e ottobre e alcune tasse non pagate. E ieri abbiamo pagato le due mensilità, le imposte per 150.000 euro e i componenti dello staff tecnico delle giovanili che non prendevano soldi da luglio”.

Sul piano sportivo invece ha scelto Cammarata. Lo stesso direttore che lei aveva esonerato all’Akragas. Perché adesso lo ha ingaggiato in categoria superiore?
“Cammarata gode della mia stima e della mia fiducia. All’Akragas volevo riconquistare la piazza e quindi avevo scelto un direttore sportivo del posto. Poi Cammarata era andato in Serie D alla Sancataldese. Ma ora mi serviva un uomo società competente di calcio, lui è la persona giusta”.

Anche l’allenatore, Anastasi, non era stato confermato da lei all’Akragas.
“Non l’ho esonerato, si era dimesso lui. Può allenare tra i professionisti, ha calcisticamente fame. Ora vogliamo salvare la categoria. Poi l’anno prossimo cercheremo di puntare ai playoff”.

© Riproduzione riservata
Primo piano
TMW Radio Sport