Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Gravina sul Campobasso: "14 ricorsi persi. Dal club atteggiamento di sfida inutile e dannoso"

Gravina sul Campobasso: "14 ricorsi persi. Dal club atteggiamento di sfida inutile e dannoso"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 30 settembre 2022, 20:49Serie C
di Tommaso Maschio

Il presidente della FIGC Gabriele Gravina, intervenuto alla festa per il trentennale del Comitato del Molise, è tornato sulla vicenda relativa al Campobasso, che con i suoi ricorsi ha fatto slittare l’avvio della Serie C, attaccando duramente i vertici del club: “Per noi ogni società che si perde è motivo di amarezza e tristezza, mi legano rapporti di amicizia con il Campobasso, ma ci sono delle condizioni legate a delle regole che vanno rispettate. Non può un contenzioso diventare motivo di non rispetto delle regole. C’erano delle avvisaglie che dovevano essere intercettate prima perché non si può pensare che per pochi spiccioli salti una società professionistica e la Covisoc e la Lega Pro erano impegnate nel sollecitare un intervento banale. Bisognava però essere sinceri e dire alla città quali erano le condizioni anche perché sono convinto che i tifosi avrebbero dato il loro contributo collettivo andando incontro alle esigenze della società. - continua Gravina come riporta Primonumero.it - Ci sono stati però 14 giudizi in poche settimane e il Campobasso li ha persi tutti, c’è stato un atteggiamento di sfida inutile che ha danneggiato la città quando invece stavamo lavorando per creare le condizioni per una ripartenza dalla serie D. C’era disponibilità, seppure ci fosse una realtà già presente in Eccellenza. La disponibilità c’è stata, Piero Di Cristinzi ha fatto da ponte in modo importante, ma quattordici giudizi è qualcosa di eccessivo, si è andati anche oltre l’inizio dei campionati, ritengo che si sia stati irriguardosi e irrispettosi, bisognava fermarsi”.

Primo piano
TMW Radio Sport