Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

…con Guido Angelozzi

…con Guido AngelozziTUTTOmercatoWEB.com
venerdì 30 settembre 2022, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

“Stiamo lavorando, la squadra è stata rinnovata con calciatori giovani e meno giovani. Stiamo facendo il percorso giusto”. Così a Tuttomercatoweb il dg del Frosinone, Guido Angelozzi.

L’obiettivo del Frosinone quest’anno?
“Non abbiamo obiettivi. Vogliamo crescere come società e portate una filosofia diversa dal passato. Da quando sono arrivato abbiamo cercato di lavorare sui giovani aggiungendo qualche giocatore esperto. Vogliamo fare divertire la nostra gente”.

In extremis ha piazzato il colpo Frabotta.
“È un giocatore che veniva da qualche problema fisico ma è importante. Lui, Lucioni, Sampirisi e Mazzitelli hanno grande esperienza e personalità. E poi abbiamo giovani come Moro e Caso”.

Brescia e Reggina sono le rivelazioni.
“Stanno facendo bene. Hanno due squadre attrezzate. Il Brescia viene da un percorso fatto anche l’anno scorso. La Reggina ha cambiato tutto, è la vera sorpresa”.

Che mercato è stato quello passato?
“A parte qualche colpo grosso è stato un mercato di idee”.

A propósito di idee. La Juve ha puntato su Gatti.
“Bravo Fabio Grosso che gli ha dato la possibilità di emergere. È un giocatore che può arrivare a qualsiasi livello. È alla Juve, in un top team. E diventerà un calciatore importante”

Che farete a gennaio?
“Siamo a posto. La rosa è completa. Pensiamo a sabato, a Parma, sarà una partita importante”.

Le squadre da battere?
“Genoa, Cagliari e Parma sono le più accreditate. Poi ci sono Brescia, Reggina, Benevento e le altre. Penso ad esempio al Palermo: ci vorrà tempo. È tutto nuovo, non è facile avviare un progetto ed essere subito protagonisti”.