Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Laporta: "Mbappé ha chiesto 40-50 milioni di stipendio. Poi non vince la Champions..."

Laporta: "Mbappé ha chiesto 40-50 milioni di stipendio. Poi non vince la Champions..."
martedì 17 maggio 2022, 20:47Calcio estero
di Michele Pavese

Joan Laporta, presidente del Barcellona, ha rilasciato una lunga intervista a Catalunya Radio. Sono diversi gli argomenti trattati, a cominciare dal pranzo di oggi con il numero uno del Valencia, Anil Murthy. Arriveranno Gayà e Soler? "Il presidente del Valencia è venuto e abbiamo mangiato insieme per parlare di questioni istituzionali. Si è arrabbiato, perché hanno registrato alcune conversazioni. Non posso parlare del contenuto delle conversazioni, sono questioni che devono essere nuovamente discusse e dobbiamo mantenere la discrezione".

Lo stipendio di Mbappé: "Ha chiesto 40-50 milioni di euro a stagione, una cifra che il nostro club non può permettersi di spendere, e magari non vince nemmeno la Champions...".

Bilancio: "Per le circostanze in cui si trova il club e per l'ultimo tratto di campionato, penso che avremmo potuto lottare per il titolo se non si fossero infortunati alcuni giocatori. Perdere ha sempre delle conseguenze. In questa stagione abbiamo dovuto cambiare allenatore, eravamo noni e siamo arrivati ​​secondi. Vogliamo di più. Il Barça è abituato a lottare per LaLiga e noi non l'abbiamo fatto in questa stagione. Xavi ha fatto molto bene e ora dobbiamo rafforzare la squadra per essere più competitivi".

Lewandowski obiettivo: "Facciamo lavorare la segreteria tecnica e l'area sportiva. Non posso rispondere nel dettaglio ma stiamo lavorando per rendere competitiva la squadra. Non è facile, veniamo da una situazione economica molto difficile, stiamo lavorando per ribaltarla e sarà allora che potremo cercare grandi acquisti. Se riusciremo a ripulire i conti, potremo fare tutte le operazioni".

De Jong può partire? "Insisto. Facciamo lavorare l'area sportiva. Ci sono giocatori che ricevono offerte, noi faremo il meglio per il club. Se arriveranno le risorse che ci auguriamo, nessun giocatore partirà per motivi economici. Non so se ci saranno cessioni dolorose. Abbiamo alcuni canali aperti per avere soldi".

Pedri-dipendenza: "Pedri è chiamato ad essere uno dei punti di riferimento. Abbiamo giocatori molto giovani".

Ambizione: "Farò tutto il possibile per tornare a lottare per i traguardi più importanti. La prossima stagione dovremo puntare a tutto, Champions compresa"

Questione Dembélé: "Penso che voglia restare ma è molto tentato da altre opzioni, a condizioni migliori delle nostre. L'offerta è stata presentata da tempo e si sono presi il tempo di valutarla a fine stagione. Avremmo voluto una risposta prima, ma non possiamo forzare. Abbiamo fatto un'offerta perché il giocatore piace all'allenatore e anche a me, ed è per questo che abbiamo fatto uno sforzo importante. C'è un buon rapporto personale con il giocatore, è arrivato l'amico Aubameyang ma sono gli agenti che curano gli interessi e speriamo che la sua decisione sia quella di rinnovare".

Il futuro di Dani Alves: "Dani ha raggiunto gli obiettivi. Ora aspettiamo la decisione dell'area sportiva. È entusiasta di giocare la Coppa del Mondo e ci è piaciuto il suo atteggiamento. Non ha interferito e ha aiutato i nuovi a integrarsi".