Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Portogallo, Martinez: "CR7? È il calcio che ha deciso per lui. È tornato a essere felice"

Portogallo, Martinez: "CR7? È il calcio che ha deciso per lui. È tornato a essere felice"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 13 giugno 2024, 10:12Euro 2024
di Alessio Del Lungo

Roberto Martinez, ct di origini spagnole del Portogallo, ha rilasciato una lunga intervista ad As, parlando dell'Europeo che sta per cominciare: "Finora il bilancio è molto positivo a livello umano. È un'avventura spettacolare. È stato come tornare alla cultura iberica, tornare a casa. Ho quella sensazione: conoscere una nuova lingua, un altro modo di pensare e vedere il calcio in modo così appassionato".

Che Portogallo ha trovato?
"Innanzitutto ho trovato l'essenza del calciatore portoghese. Non ne avevo mai avuto uno nello spogliatoio, li avevo sempre affrontati da rivali. La mia sorpresa è stata il mix tra la loro naturale competitività e il loro gusto per le informazioni tattiche. Non me lo aspettavo, vogliono migliorare l'aspetto tattico, è un sogno per qualsiasi allenatore".

È preoccupato per le stagioni di Gonçalo Ramos, Joao Felix e Cancelo?
"La situazione perfetta non esiste. È impossibile avere giocatori che hanno vinto tutto e per di più arrivano freschi in Nazionale. Se hanno giocato, sono stanchi, se non hanno giocato, mancano di gioia. L’importante è che tutti i calciatori si siano inseriti e siano contenti. Siamo di fronte ad un sogno che tutti abbiamo fin da bambini. Mi preoccupano di più i giocatori che abbiamo perso o che si sono infortunati. Dare la lista è l’unica cosa che fa male come allenatore".

Che altro si può dire di Cristiano Ronaldo?
"Immaginare. La forza di uno spogliatoio non sta in quello che un allenatore può dire ai giocatori, ma negli esempi quotidiani. Cristiano e Pepe sono un riferimento incredibile. Creano un ambiente molto positivo. Sono esigenti come gli altri giocatori".

Ha convocato Ronaldo quando in tanti lo davano per finito. E invece fa ancora la differenza.
"Inviterei i tifosi ad interessarsi al campionato saudita. Il Mondiale 2034 ha generato un progetto decennale e il livello è alto. È difficile segnare gol ovunque e Cristiano è andato lì e ne ha segnati 35 in questa stagione. Mantiene la sua consistenza. L'Arabia ti consente di raggiungere obiettivi individuali. Per me è stata una sorpresa molto positiva".

Sente il suo supporto?
"Quando c’è un cambio di regime, c’è sempre un momento nuovo. Le prime impressioni sono importanti. Lui, come capitano, è stato molto naturale con la sua situazione. Nel calcio si discute molto da bar, ma le decisioni si prendono sul campo di gioco. È stato il calcio a prendere le decisioni per lui. È tornato ad avere un sentimento di felicità".

E Joao Felix?
"È un giocatore che si misura se è titolare o meno, ma lo apprezzo se è pronto a entrare in partita in qualsiasi momento. Joao è stato decisivo in giorni in cui era più difficile entrare che iniziare. Ha vissuto situazioni che lo hanno aiutato a maturare. Un giocatore in prestito si trova sempre in una situazione difficile perché non ha margine di errore. L'ho visto impegnato e non arreso. Non è mai stato abbandonato".

È preoccupato che il suo futuro non sia chiaro?
"Ci sono sempre casi del genere nei tornei. Di solito c'è una percentuale, anche se piccola, di coloro che possono cambiare scena. In realtà bisogna usare l’Euro per aiutarsi. L’Euro ti offre un’opportunità unica per il tuo futuro".

Vitinha continua a crescere.
"Sì, c'è stato un cambio di ruolo e al PSG ha giocato più vicino ai difensori centrali. Luis Enrique gli ha dato un nuovo look. Ha anche accumulato numerose partite per dimostrare il suo livello. Lo ha fatto contro il Barcellona o in partite importanti di campionato".

Canta anche l'inno... Adesso è proprio portoghese.
"L'inno è importante, ha un significato speciale per la squadra. Tu realizzi. Parti dell'inno sono scritte sui muri della città sportiva. Non è affatto un aspetto politico. Questo è ciò che rappresenta il fatto di avere una squadra di calcio alle spalle e ciò che significa per milioni di portoghesi in Portogallo e anche per milioni fuori".

Chi può vincere l’Euro?
"Non ci sono favoriti. Ci sono candidati. Molte squadre hanno giocatori abituati a lottare per tutti i titoli: Francia, Inghilterra, Italia, Germania, Spagna, Portogallo... Non dobbiamo sfuggire dalla responsabilità di essere lì. Il requisito è quello di sfruttare al massimo le nostre opzioni. È così che si va lontano. Ma i dettagli sono minimi. In una partita, la differenza tra vincere e perdere è davvero minima".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile