Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Pioli fa il punto sul Milan tra campionato e nuovi arrivi: "Ma fare bilanci ora non è corretto"

Pioli fa il punto sul Milan tra campionato e nuovi arrivi: "Ma fare bilanci ora non è corretto"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 15 novembre 2022, 00:38I fatti del giorno
di Tommaso Bonan

"La squadra è sicuramente cresciuta dal punto di vista mentale e credo che sappia riconoscere le opportunità... Dopo la brutta prestazione di Cremona, che è stato il nostro passaggio più critico e che ci ha danneggiato la classifica - con le ultime due vittorie il nostro sarebbe stato un ottimo inizio di campionato, tralasciando il campionato eccezionale del Napoli -, sapevamo che contro la Fiorentina dovevamo dimostrare di poter finire bene e con l'atteggiamento giusto". Terminata la prima parte di stagione, Stefano Pioli fa il punto sul Milan ripartendo dall'ultima vittoria (con polemiche arbitrali annesse) contro la Fiorentina a San Siro: "Abbiamo giocato con grande intensità, incontrando un avversario che ci ha creato grandi difficoltà: vincere queste partite significa crederci, avere spirito e avere qualità, perché altrimenti se non hai qualità e spirito di squadra di alto livello queste partite non le vinci", ha sottolineato il tecnico rossonero ritirando il premio Sport e Civiltà presso il Teatro Regio di Parma.

Pioli frena i giudizi su quanto fatto fino a questo momento ("Fare bilanci ora non è corretto", ndr) e su quelli della seconda parte di stagione: "Abbiamo tanti obiettivi da raggiungere: c'è il campionato, la Coppa Italia, la Supercoppa, la Champions League... C'è un gruppo motivato e stimolato, quindi anche chi tornerà dal Mondiale lo farà con la mentalità adatta per fare il meglio possibile", concedendosi anche una risposta sui quei giocatori nuovi come De Ketelaere che finora non ha reso secondo le aspettative: "Noi come club abbiamo una nostra idea e una nostra programmazione. Quando si parla di investire sui giovani sono tutti contenti, ma poi non c'è la pazienza necessaria per aspettarli. Parliamo di ragazzi che vengono da Paesi diversi, da culture diverse, modo di giocare diverso, abitudini diverse... È normale avere delle difficoltà, ma noi siamo assolutamente convinti di aver preso giocatori di talento, intelligenti e disponibili".

Primo piano
TMW Radio Sport