Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Finché Buffon para noi siamo giovani. L'ultima alla Scala del Calcio meritava un'altra accoglienza

Finché Buffon para noi siamo giovani. L'ultima alla Scala del Calcio meritava un'altra accoglienzaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
mercoledì 11 gennaio 2023, 08:45Il corsivo
di Ivan Cardia

Gianluigi Buffon a San Siro, per la cinquantesima volta. A prescindere dall'età, chiunque di noi ne ricorda almeno una. Della sua, di età, sembra che non gliene importi più di tanto. Non è più Buffon "quello vero", non può più esserlo e forse se ne sta rendendo conto anche lui: non giocava da ottobre, chissà se sarà titolare sabato alla ripresa del campionato di Serie B. Alle porte dei quarantacinque anni, però, è bastata una parata per ricordare ai quarantamila del Meazza perché si trovavano di fronte al miglior portiere della storia. Colleghi ben più giovani di lui non avrebbero detto di no a Dzeko con la stessa reattività che SuperGigi da Carrara ha dimostrato di avere, ancora.

Finché Buffon para, noi siamo ancora giovani. Ha fermato il tempo, ancora una volta, e non è retorica. Venticinque anni fa la prima in Coppa Italia, ventisette anni fa la prima a San Siro, la Scala del Calcio. Buffon ha segnato tante generazioni di tifosi. Di italiani: i trentenni di oggi erano bambini quando lui era giovanissimo e già sembrava un predestinato. Sono cresciuti vedendolo confermare quelle prime impressioni, adesso iniziano a vedere i primi capelli bianchi e lui è ancora lì, in mezzo i pali. Anche a costo di esagerare, perché Buffon è così, esagerato, nel bene e nel male. È l'ultimo campione degli anni '90 a insistere ancora, è l'unico campione del 2006 a essere ancora in campo. Gli altri non si sono limitati a smettere: hanno iniziato altre carriere, da allenatori, da commentatori, da imprenditori, in qualche caso lontani dal mondo del calcio, in molti anche da parecchio tempo. Lui è lì, a dirci che sì, possiamo invecchiare. Ma finché para e finché lo fa come ha fatto col Cigno di Sarajevo, in fin dei conti possiamo sentirci ancora giovani. Possiamo esserlo, la nostra adolescenza è ancora in campo.

Avrebbe meritato un'altra accoglienza. E qui un po' di retorica c'è. Perché, vista la sua carriera, che Buffon non stia simpatico ai tifosi dell'Inter, o almeno a una buona parte di essi, è più che comprensibile. Avversario di tante battaglie, capitano della Juventus: rappresenta il "nemico" per gli avversari nerazzurri. San Siro, però, come Buffon rappresenta un monumento per il nostro calcio, di quelli che resistono e non si lasciano abbattere - in senso letterale, nel caso dello stadio - dal passare del tempo e dalle logiche del mercato. Sarebbe stato bello se, in quella che potrebbe essere stata l'ultima (anche se il contratto col Parma dice 2024) uno di fronte all'altro, invece di fischi e cori volgari, gli avesse regalato un tributo da avversario, ma di quelli che si rispettano. Come se tra vecchi amici/nemici si fossero detti: ci vogliono pensionare, ma noi siamo ancora qui. A ricordarvi che una volta il calcio italiano è stato davvero il più bello del mondo. Che potete essere giovani, belli e forti per sempre, basta volerlo. Sarebbe stato bello, magari quella di ieri sera non è stata l'ultima: lo sa solo quell'eterno ragazzino con la maglietta di Superman.