Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Il Toro è totalmente da rifondare: Cairo è all'angolo ma può rilanciarsi con l'assist della Juve

Il Toro è totalmente da rifondare: Cairo è all'angolo ma può rilanciarsi con l'assist della JuveTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 21 luglio 2022, 16:15Il corsivo
di Raimondo De Magistris

Belotti, Bremer, Pobega, Mandragora, Praet e Brekalo. Sono i sei titolari che il Torino ha perso in questa prima parte di calciomercato rispetto alla scorsa stagione, oltre a una bandiera come Christian Ansaldi. Lecito aspettarsi adesso una risposta importante, ma a 40 malcontati giorni dalla fine del calciomercato il club granata è quello che in Serie A si è maggiormente indebolito. Anche se, in occasione dell'ultima conferenza stampa della stagione, Ivan Juric si era espresso così sulla campagna acquisti: "Quanti giocatori servono? Dieci. Abbiamo 6 prestiti, Bremer sarà venduto, se facciamo i conti siamo lì. Con Vagnati parliamo spesso, abbiamo le idee, vedrò il presidente la settimana prossima e deciderà lui che strada prendere". Da quelle dichiarazioni sono trascorsi due mesi e due mesi dopo, oltre alla conferma di Pellegri, il Toro ha messo sotto contratto solo due nuovi giocatori. O meglio, due nuove scommesse: Radonjic e Bayeye..

Le premesse per questi ultimi 40 giorni non sono ideali. Anzi. Anche perché la popolarità di Cairo a Torino già da diversi mesi è ai minimi storici e gli ultimi accadimenti non hanno in alcun modo aiutato il presidente granata, contro cui nell'ultima stagione sono montate regolari contestazioni. Il Torino nell'ultima stagione dopo un paio d'anni di lotta salvezza è tornato nella parte sinistra della classifica quasi esclusivamente grazie a Juric. Ma il croato che dà tanto chiede altrettanto: senza giri di parole dopo l'ultimo decimo posto ha fatto sapere alla società di volere una squadra più forte e competitiva rispetto a quella della scorsa stagione. Altrimenti la stagione inizierà con un allenatore scontento, ovvero con le premesse peggiori.
Adesso dovrà esser bravo Vagnati a ricostruire la squadra, grazie anche all'assist della Juventus che pur di strappare Bremer all'Inter ha consegnato ai granata quasi 50 milioni di euro. Tanti soldi per un club come quello di Cairo chiamato, ora, all'acquisto di 7-8 titolari. C'è ancora margine per rimediare ma bisogna darsi una mossa.