Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Vincenzo Iaquinta, da Campione del Mondo alle aule del tribunale. Per delle armi denunciate

Vincenzo Iaquinta, da Campione del Mondo alle aule del tribunale. Per delle armi denunciateTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
martedì 21 novembre 2023, 05:00Nato Oggi...
di Andrea Losapio

Tornare alla luce della ribalta un anno dopo essersi ritirato, ma per i motivi sbagliati. Vincenzo Iaquinta ha appeso le scarpette al chiodo nel 2013, dopo 40 presenze e 6 gol in Nazionale, una carriera ottima fra Udinese e Juventus (meno al Cesena), un titolo di Campione del Mondo e l'etichetta del gregario di successo. Perché nel febbraio del 2015 Vincenzo Iaquinta finisce nei guai, visto che vengono rinvenute delle armi da fuoco nella casa del padre: le armi sono regolamente denunciate, ma vengono violate le norme penali sulla custodia. Il padre, peraltro, viene accusato di affiliazione alla Ndrangheta e questa diventa un'aggravante per la posizione dell'ex centravanti.

Nel dicembre del 2015 viene rinviato a giudizio, mentre nel 2018 - a seguito della requisitoria per il processo Aemilia - il pubblico ministero chiede 6 anni per reati relativi alle armi, con l'aggravante dell'associazione mafiosa. Il 31 ottobre del 2018 viene condannato a 2 anni, ma viene fatta cadere l'aggravante, cosa confermata nel luglio seguente quando viene accertata la sua estraneità agli ambienti criminali. A dicembre 2020 arriva la sentenza in Appello che conferma i due anni di pena, con sospensione condizionale. Tredici, invece, al padre. "Coinvolgere me e mio padre era utile per dare visibilità al processo - racconta al Dubbio -. Ma noi con la ‘ndrangheta non c’entriamo nulla. A noi la ‘ndrangheta fa schifo".

Ad agosto 2023 una nuova sentenza che, di fatto, sblocca i beni della sua famiglia. "Mio padre è in carcere ingiustamente e lotterò fino alla fine, perché è innocente. È una roba ingiusta. Questo è il primo passo per aprire qualche spiraglio sulla verità, perché si inizia a vedere giuridicamente che mio padre con la ‘ndrangheta non c’entra proprio niente. Abbiamo dimostrato che tutti i soldi che giravano in famiglia sono soldi leciti, sono soldi che mio padre ha avuto dalle banche, che mio padre ha avuto da me. Io ho guadagnato giocando a calcio e quindi questo mi ha dato grande soddisfazione: avendo la possibilità economica, posso regalare un appartamento a mia mamma o non posso?". Oggi Vincenzo Iaquinta compie 44 anni..

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile