Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Australia-Danimarca 1-0, le pagelle: Leckie decisivo, Maehle sbaglia e condanna i suoi

Australia-Danimarca 1-0, le pagelle: Leckie decisivo, Maehle sbaglia e condanna i suoiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Uefa/Image Sport
giovedì 1 dicembre 2022, 06:38Qatar 2022
di Alessio Del Lungo

Australia-Danimarca 1-0
60' Leckie

AUSTRALIA (a cura di Paolo Loria Lamia)
Ryan 6 - Non corre grossi pericoli nella prima frazione di gioco, ma quando viene chiamato in causa risponde sempre presente. Ancora meno impegnato nella ripresa.

Degenek 6 - Soffre in qualche circostanza l'intraprendenza di Maehle nella prima frazione di gioco, ma si mette anche in mostra con alcune ottime chiusure difensive.

Souttar 6 - Gara solida a protezione dell'area di rigore, respingendo diversi palloni e talvolta spazzando via senza badare troppo all'estetica.

Rowles 6,5 - Insieme a Rowles e approfittando anche dell'imprecisione della Danimarca negli ultimi metri, rende la giornata di Ryan piuttosto tranquilla.

Behich 6 - Interpreta il suo ruolo di terzino in chiave quasi esclusivamente difensiva, vincendo in più occasioni i duelli con Skov Olsen e Kristensen.

Leckie 7 - Gara dai due volti, con una grande ripresa dopo una prima frazione di gioco abbastanza anonima. Sua la rete della vittoria, che regala all'Australia il passaggio del turno. Dall'89' Hrustic sv.

Irvine 6,5 - Oltre a dare il suo contributo a centrocampo, talvolta retrocede fino all'area australiana per aiutare la difesa nel contenere gli attaccanti avversari. Nella ripresa, anche qualche inserimento in area avversaria.

Mooy 6 - Non fa mancare la sua grinta nella zona nevralgica del campo, fermando sul nascere diverse azioni danesi.

Goodwin 6 - Più intraprendente rispetto a Leckie nei primi 45 minuti, soprattutto per qualche pallone messo in mezzo per le punte. Dal 46' Baccus 6 - Buon impatto sul match, per diverse discese con le quali accompagna le ripartenze australiane.

Duke 6 - Gara difficile per il centravanti australiano, spesso costretto a combattere da solo contro i difensori danesi e con pochi palloni giocabili. Prova comunque generosa da parte sua. Dall'82' Maclaren sv.

McGree 6,5 - Dei due attaccanti schierati da Arnold è quello che si muove di più su tutto il fronte offensivo. Decisivo sul risultato finale con il passaggio per Leckie nell'azione del gol. Dal 74' Wright sv.

Allenatore: Arnold 7 - La sua Australia realizza la gara capolavoro, chiudendo col botto una fase a gironi da incorniciare. Nel primo tempo contiene senza troppi problemi la Danimarca, mentre nella ripresa segna il gol qualificazione poco dopo il vantaggio della Tunisia contro la Francia.

DANIMARCA

Schmeichel 6 - Non viene mai impegnato dall'Australia in modo serio e subisce gol nell'unica vera conclusione verso la porta. Sulla rete però è esente da colpe.

Kristensen 6 - Dietro non soffre particolarmente, ma davanti non spinge quanto deve e si vede poco. Sostituito all'intervallo per un giocatore più dotato offensivamente. Dal 46' Bah 5 - Entra per provare ad offendere più di Kristensen e in effetti qualche volta arriva in fondo alla fascia. Il problema è che è davvero impreciso tra cross e conclusioni.

Andersen 5,5 - Mura McGree in avvio, poi viene sollecitato poco da lui e Duke. Non ha responsabilità sul gol subito, ma è spesso impreciso in costruzione.

Christensen 6,5 - Il migliore dei suoi nel reparto difensivo. Sicuro, attento, bravo nelle diagonali e negli anticipi. Purtroppo per lui però non basta.

Maehle 5 - Non disputa un brutto primo, si propone spesso davanti e va vicino a trovare la giocata risolutiva. Al 61' però viene beffato in dribbling da Leckie, che lo salta secco e segna l'1-0 dell'Australia. Dal 70' Cornelius 5 - Hjulmand gli chiede un gol, lui non tira mai verso la porta di Ryan. Prestazione insufficiente, ma non solo per colpe sue.

Hojbjerg 5,5 - Dispiace, ma da uno come lui ci si attende molto di più. Non affonda, ma commette qualche errore di troppo e non trascina i suoi come dovrebbe.

Jensen 5,5 - Un gran tiro in avvio che impegna Ryan, poi poco altro. Lì nel mezzo la Danimarca non gioca il pallone velocemente come dovrebbe. Dal 60' Damsgaard 5 - Impalpabile. Entra per cambiare il match, ma si vede veramente pochissimo.

Skov Olsen 5,5 - Impreciso e confuso. Nei 70 minuti che gli vengono concessi è uno dei più attivi dei suoi, ma al momento decisivo sbaglia sempre la scelta o l'esecuzione della giocata. Dal 70' Skov 5,5- Qualche spunto e un giallo rimediato. La verità è che non si rende mai pericoloso.

Eriksen 5,5 - Disegna calcio come può, malgrado perda qualche pallone di troppo, ma dà la sensazione di essere impotente e per uno come lui, che dovrebbe fare la differenza, non è il massimo. Doveva essere anche il suo Mondiale, risulta solo una delle tante delusioni.

Lindstrom 6 - Si fa vedere, salta l'uomo, scatta, si propone, ci prova e ci riprova. È vero, non incide, ma almeno la buona volontà c'è.

Braithwaite 5 - Un fantasma. Tanto movimento, qualche sponda, ma non calcia mai in porta e non si rende mai pericoloso. Altro calciatore involuto rispetto all'Europeo di un anno fa. Dal 60' Dolberg 5 - Come Damsgaard non riesce ad entrare mai in partita. Non era facile contro una squadra chiusa contro l'Australia, ma lui ci mette del suo e delude oltre le attese.

Allenatore: Hjulmand 5 - La Danimarca esce finendo ultima nel girone, ma il voto non è alle 3 partite, bensì a quella di oggi. Doveva vincere per forza, ma la sua squadra non ha avuto la fame e l'atteggiamento che servivano.