Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Agnelli compie 47 anni, gli auguri della Juventus: "Grazie Presidente. Un'era senza precedenti"

Agnelli compie 47 anni, gli auguri della Juventus: "Grazie Presidente. Un'era senza precedenti"
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 6 dicembre 2022, 10:36Serie A
di Simone Bernabei

La Juventus, nel giorno del suo 47esimo compleanno, ha voluto fare gli auguri ad Andrea Agnelli. E nella lettera pubblicata sul sito ufficiale dei bianconeri, il club si rivolge a lui ancora come "Presidente", nonostante le dimissioni dello scorso 28 novembre. Questa la lettera: "Oggi è il compleanno del nostro Presidente, Andrea Agnelli.

Non è un giorno come gli altri, non in un momento come gli altri.

Tanto si è scritto, tanto si è detto, tanto si dirà ancora: quello che vogliamo dire oggi noi, gente della Juve, per mutuare un termine caro ad Andrea, è semplicemente:

Grazie.

Mentre si sfogliano le pagine dei giornali, si rischia di perdere di vista altre pagine: quelle dei libri di storia.

Una storia che lega da quasi un secolo il nostro club a una famiglia; decenni nei quali la Juventus è diventata leggenda, per poi consolidarla ancora, dal 2010 in poi, grazie a un’era senza precedenti, in campo e fuori.

Tutto questo è possibile se alla base c'è una visione.

Chiara, netta, precisa.

Andrea Agnelli quella visione non ha soltanto dimostrato sempre di averla ma ne ha fatto una cifra distintiva, prendendo per mano la Juventus verso un orizzonte fino a poco tempo prima impensabile. In campo, e basta scorrere un palmarès troppo lungo per non rischiare di dimenticare qualcosa, e fuori. Tutto quello che oggi è sotto i nostri occhi, e dopo qualche anno appare quasi “normale”, come ad esempio una nuova identità visiva, come nuove e moderne infrastrutture, come lo sguardo a mondi “altri” dal calcio, come progetti sportivi mai visti prima in Italia, è frutto di quella visione.

Una visione che aveva – e ha – la spinta al futuro come suo tratto distintivo.

Perché, per usare un altro concetto caro ad Andrea, dopo una vittoria si comincia già a pensare alla prossima.

Non disperderemo questa lezione: è il modo migliore per augurare buon compleanno al nostro Presidente".