Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports

Chiesa: "Devo tanto a Paulo Sousa, la Nazionale un sogno. Europeo? C'è entusiasmo"

Chiesa: "Devo tanto a Paulo Sousa, la Nazionale un sogno. Europeo? C'è entusiasmo"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
mercoledì 09 giugno 2021 20:45Serie A
di Niccolò Pasta

In una diretta con CalcioShop.it, Federico Chiesa, esterno della Nazionale e della Juventus, ha parlato a tutto tondo della sua carriera, dagli inizi in provincia di Firenze alla maglia della Nazionale, alla vigilia dell'Europeo: "La mia famiglia ha influito, sin dai 2-3 anni ho sempre avuto la palla tra i piedi. Questo me lo ha trasmesso mio padre. Ho iniziato a tirare i primi calci alla Settignanese, a 6 anni. Mio padre mi ha messo nella scuola calcio a Firenze e da lì è nata la mia carriera".

Che rapporto hai con papà Enrico?
"Abbiamo un bellissimo rapporto. Ha tantissimi anni di esperienza, cerchiamo di parlare anche di altro, non solo di calcio. Nella mia famiglia quasi tutti sanno di calcio: mia mamma ha seguito mio padre per vent'anni di carriera, ne sa tanto. Critiche? A livello comportamentale mi hanno dato tanti consigli. I valori come umiltà, la voglia di migliorarsi sempre me li porto dietro da sempre, questo è quello che mi hanno dato i miei genitori. Mi hanno sempre chiesto il massimo, a calcio e a scuola. Questo mi ha aiutato ad essere l'uomo che sono adesso".

L'allenatore che ha influito maggiormente?
"L'allenatore che mi ha fatto fare il salto tra i grandi, Paulo Sousa. Ha puntato su di me, mi ha dato tantissima fiducia. Lo devo ringraziare perché il salto era enorme da Primavera a Serie A. Ricordo anche Edy Baggio, che mi ha preso negli anni in cui non giocavo, negli allievi regionali, e da lì mi diede tanta fiducia facendomi giocare. Poi l'allenatore Guidi, che mi ha insegnato tantissimo sotto l'aspetto calcistico".

Il momento che ti ha lanciato nel calcio dei grandi?
"Ricordo con emozione l'esordio in A, un'emozione unica perché è stato il raggiungimento di anni di sacrifici. Poi ci sono state tante serate che porto con me, ma una partita che mi ha fatto arrivare tra i grandi è stata la partita con la Fiorentina Primavera, a Torino contro la Juventus Primavera, nel quarto di finale della Coppa Italia Primavera, in cui ho segnato. Questa partita mi ha dato forza. Sousa a volte ci mandava in Primavera per questioni di umiltà, per testare se mettevamo la stessa voglia e passione anche con la Primavera: quello è stato un grande momento per la mia carriera, non bisogna mai sottovalutare nessuna partita, soprattutto quando dai grandi vai in Primavera. Ci può essere superficialità, ma non bisogna farlo".

Cosa vuol dire essere un giocatore della Nazionale?
"Essere un giocatore della Nazionale è un sogno che si avvera. Giocare per il popolo italiano è unico, più della Nazionale non c'è niente".

Un momento che ricordi con emozione della Nazionale?
"La finale 2006 la ricordo anche se ero piccolino. Poi metto anche il 2-0 dell'Italia con la Germania agli Europei 2012, me la sono goduta di più. Purtroppo non abbiamo portato a casa il trofeo, ma ricordo di aver tifato ed ero molto felice".

Punti di forza? Su cosa devi lavorare di più?
"Sono uno che vuole migliorare sempre e vado al campo ogni giorno per dare di più e trovare nuovi stimoli e obiettivi. Devo migliorare tanti aspetti, dal tiro in porta, dove cerco di imparare da uno dei migliori della storia come Cristiano Ronaldo, che è unico nel suo genere. E poi c'è da imparare sempre tatticamente, perché il calcio è sempre in evoluzione. Essere forte tatticamente aiuta".

Obiettivo per l'Europeo?
"Per il risultato sportivo tutti ci auguriamo il massimo obiettivo, ma dobbiamo pensare partita per partita. Veniamo da una delusione grande al mondiale, questa è la prima competizione dopo la disfatta, c'è grande entusiasmo ma pensiamo partita per partita".

Federico Chiesa fuori dal campo?
"Ascolto musica hip-hop, reggeaton, commerciale. Per gli hobby io ho la passione dell'universo e quindi mi piace leggere e guardare documentari e come tutti i ragazzi della mia età gioco alla Playstation, specialmente a Call of Duty".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000