Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Cosa dovrebbe fare Daniele De Rossi per farsi confermare alla guida della Roma?

Cosa dovrebbe fare Daniele De Rossi per farsi confermare alla guida della Roma?TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 21 febbraio 2024, 16:06Serie A
di Andrea Losapio

Quattro punti di distanza dal quarto posto, ma anche quattro vittorie su cinque partite. La Roma di Daniele De Rossi ha ingranato la marcia più alta, vincendo le partite contro Hellas Verona, Salernitana, Cagliari e Frosinone. L'unica sconfitta fin qui arrivata è stata contro l'Inter, nella sfida più complicata per graduatoria, mentre in Europa è arrivato un pareggio contro il Feyenoord, squadra rognosa e oramai "abbonata" agli incroci con i giallorossi. Quindi, dopo ottime prestazioni - seppur contro squadre decisamente di rango inferiore - la domanda può sorgere abbastanza automatica: cosa deve fare Daniele De Rossi per meritarsi una riconferma?

La risposta più banale sarebbe il quarto posto. Con l'arrivo in zona Champions probabilmente i Friedkin potrebbero alzare l'asticella dopo anni di nozze con i fichi secchi. Tiago Pinto è riuscito a portare sì Dybala e Lukaku, ma dall'altro lato ha dovuto spesso operare sul mercato degli svincolati, oppure dei prestiti. Un lavoro difficile e che potrebbe cambiare per il prossimo direttore tecnico, mentre il direttore sportivo Mauro Leo ora sta agendo da factotum - ma anche lui con contratto in scadenza a giugno.

Ecco, forse con la Champions potrebbe esserci una scelta diversa da parte dei Friedkin. Non Allegri, Conte o un grande nome. Bensì un figlio di Roma che possa ripercorrere quel filo che si è perso con Totti, quando ha smesso di essere dirigente. Allenatore è differente rispetto a un manager, è sempre legato ai risultati e a quello che fa vedere, più che alle scelte di scrivania che fa. Quindi meno "pericoloso" per la leadership della proprietà.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile