Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Dalle sirene della Premier alla leadership: l'Inter si gode l'ultima versione di un super Skriniar

Dalle sirene della Premier alla leadership: l'Inter si gode l'ultima versione di un super SkriniarTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
mercoledì 29 settembre 2021, 10:38Serie A
di Simone Bernabei
fonte dall'inviato allo stadio Olimpiyskiy, Kiev

Per tutta la scorsa estate, Milan Skriniar è stato al centro delle voci di mercato. Non per volontà sua, in fondo lo slovacco ha sempre detto di voler restare all’Inter. Ma la situazione finanziaria del club della famiglia Zhang e il sempre più insistente pressing del Tottenham di Fabio Paratici hanno più volte fatto pensare (e credere) alla cessione. Niente da fare, nonostante proposte superiori ai 30-35 milioni il giocatore è rimasto. E oggi, numeri alla mano, è uno dei giocatori dal miglior rendimento in questa seppur breve prima parte di stagione. Due prestazioni da ricordare, quella di ieri contro lo Shakhtar e quella all’esordio Champions col Real Madrid, nel mezzo tante buone cose fatte vedere in campionato con interventi decisivi e pochi errori.

Il tempo insomma sta dando ragione all’Inter e al giocatore stesso, come detto mai realmente interessato all’addio. Il tecnico Simone Inzaghi non lo ha mai considerato un partente e fin da subito lo ha messo al centro(destra) della sua retroguardia. E Skriniar, che pure nel biennio di Antonio Conte era cresciuto moltissimo nei concetti tattici, nell’attenzione e nel pressing alto, sta ripagando in pieno la fiducia. Con grande prestazioni e con una leadership sempre più evidente all’interno del gruppo nerazzurro. Sul campo e non solo.