Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Il capitano che non ti aspetti. Niente Tonali, a guidare i rossoneri a Londra sarà Bennacer

Il capitano che non ti aspetti. Niente Tonali, a guidare i rossoneri a Londra sarà BennacerTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 5 ottobre 2022, 11:30Serie A
di Simone Bernabei
fonte dall'inviato a Londra

Senza Calabria, senza Theo Hernandez, senza Kjaer e senza Ibrahimovic il Milan ha dovuto fare una scelta. Soprattutto, Stefano Pioli l’ha dovuta fare. A chi dare la fascia da capitano in un contesto non certamente semplice come quello che è rappresentato dallo Stamford Bridge in una notte di Champions? Statistiche in mano e leadership a guidare la scelta, ecco che il tecnico rossonero ha lasciato da parte Tonali, da tutti indicato come capitan futuro e quasi presente, e scelto Ismael Bennacer. Proprio lui, l’algerino cresciuto nelle giovanili dell’Arsenal, esploso a Empoli e arrivato al Milan in punta di piedi, quasi fra l’indifferenza generale. Oggi però sì che il suo status è diverso.

Per Pioli è un “leader tecnico, ma anche di professionalità per come si allena”. Insomma, Bennacer è anima e spirito di questo Milan che fa del gruppo uno dei suoi punti di forza. E dati alla mano, dicevamo, domani sera sarà pure il giocatore rossonero con più presenze nel club. Escludendo gli infortunati, ovvio. Ma domani a Stamford Bridge è lui il calciatore con più minuti di Milan sulla schiena. Dalla prossima probabilmente tornerà a svolgere compiti da soldatino più che da timoniere, ma il concetto non cambia: per Pioli è fondamentale, per il Milan pure. E chissà che dopo la fascia da capitano, anche la società non decida di dare un impulso in avanti alla lunga trattativa per il rinnovo del suo contratto.