Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Inter, il primo bilancio: più nero che azzurro. Lautaro il migliore, delude persino Skriniar

Inter, il primo bilancio: più nero che azzurro. Lautaro il migliore, delude persino Skriniar TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 20 settembre 2022, 12:30Serie A
di Ivan Cardia

Più nero che azzurro, l'avvio di campionato dell'Inter. Il terzo ko in sette giornate mette in salita il resto della stagione per la squadra di Simone Inzaghi, chiamato a dare risposte sin dalla ripresa nel big match con la Roma. Chi, comunque, ha colpito in positivo e chi in negativo?

Il migliore - Lautaro Martinez
Alla Dacia Arena, alla fine, si è arreso pure lui. Nonostante non segni da tre gare in campionato e in Champions sia ancora a secco - e il fatto che sia comunque il migliore la dice lunga - il Toro rimane la principale nonché ultima ancora di salvezza per l'Inter. Tre gol e un assist all'attivo: anche in un avvio non particolarmente brillante da parte di tutto il gruppo il 10 argentino è quello che ci prova più di tutti.

La delusione - Milan Skriniar
In termini assoluti, c'è chi ha fatto peggio. Per restare alla difesa, De Vrij è un lontano parente di quello degli anni migliori e anche il passo indietro fatto registrare da Bastoni ha del preoccupante. Dopo un'estate caratterizzata dal lungo corteggiamento del PSG - e può darsi che la questione rinnovo stia pesando - il centrale slovacco era atteso a un avvio di stagione all'altezza del prezzo richiesto del suo cartellino. E invece anche il principale muro difensivo dell'Inter ha perso colpi.

La rivelazione - Francesco Acerbi
Arrivato tra mille polemiche e fin troppi dubbi, a Plzen ha preso le redini della difesa, impressionando per come ha guidato dei compagni che tutto sommato ha conosciuto da poco. Un passo indietro a Udine, dove è stato comunque il migliore di un traballante terzetto difensivo. Se nell'inizio dell'Inter ci sono più ombre che luci, alla corte di Inzaghi può dimenticare l'anno negativo con Sarri e tornare ai suoi standard. Soprattutto se De Vrij è quello visto finora.

Primo piano
TMW Radio Sport