Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

La festa religiosa dello Yom Kippur sarà un grosso problema per il Maccabi contro la Juve

La festa religiosa dello Yom Kippur sarà un grosso problema per il Maccabi contro la JuveTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport
martedì 4 ottobre 2022, 10:00Serie A
di Marco Conterio
fonte dall'inviato a Torino di Tuttomercatoweb.com

Senza scomodare il sacro e i santi, dire che lo Yom Kippur rappresenti un sostanziale problema per gli atleti ebrei del Maccabi Haifa non è certo mancare il centro del bersaglio. Anzi. La Festa dell'Espiazione è uno dei momenti più importanti della religione ebraica, dedicata alla meditazione e alla preghiera poiché, secondo il credo, il Signore conferma definitivamente il giudizio formulato su ciascuna persona durante il Capodanno ebraico. In termini sportivi: i giocatori praticanti del Maccabi Haifa, che domani sfiderà la Juventus, digiuneranno e non assumeranno liquidi, senza deroghe, dalla sera di oggi fino al tramonto di domani.

Influenza su scelte e approccio
Il tecnico Barak Bakhar considererà inevitabilmente anche le pratiche religiose della sua rosa nelle scelte di formazione, contando poi che gran parte della sua formazione è ebraica praticante. Così non sarà certo improbabile vedere gli stranieri in campo, da Seck a Batubinsika, da Cornud a Chery fino a Pierrot, contando poi che tutti gli altri stranieri hanno passaporto israeliano e sono in gran parte ebrei e dunque osserveranno il digiuno per lo Yom Kippur.

La trasferta 'migliore' è comunque Juventus-Maccabi Haifa
Non solo: la gara contro la Juventus, a Torino, è paradossalmente anche il 'male minore' in termini di effetti che ha sugli sportivi. Il Maccabi ha specificatamente chiesto alla UEFA in sede di redazione del calendario, di giocare la sfida proprio in Piemonte visto che il tramonto a Parigi e a Lisbona sarebbe arrivato più tardi e i giocatori ebrei praticanti non sarebbero di fatto potuti scendere in campo.