Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

La Lazio soffre, lo Sturm Graz non sfonda. 0-0 al 45', tutto ancora molto aperto

La Lazio soffre, lo Sturm Graz non sfonda. 0-0 al 45', tutto ancora molto apertoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 6 ottobre 2022, 19:31Serie A
di Andrea Losapio

Primo tempo a reti bianche fra Sturm Graz e Lazio, ma non senza emozioni. Perché gli austriaci accettano di giocarla a viso aperto, senza timore reverenziale, con i biancocelesti che soffrono l'intraprendenza e il pressing.

Il primo brivido è firmato Provedel, perché l'uscita è sballata e Hysaj deve sbrogliare la matassa quasi sulla linea, con un colpo di testa che spedisce il pallone in angolo. Lo Sturm Graz prova a crescere di giri, ma quando Immobile viene innescato in contropiede sono dolori. Anche se l'ultimo passaggio è quello che manca in due occasioni, perché il centravanti - invece di mettersi in proprio - cerca di ispirare i compagni, come Luis Alberto, che sarebbe messo meglio rispetto a lui, già comunque in prossimità della porta. Gli austriaci sono comunque vivi e si fanno sentire di nuovo dalle parti di Provedel che deve primai rispondere presente su Boving, dal limite, poi Ajeti di testa lo impegna nel traffico. In mezzo c'è anche un palo direttamente da calcio d'angolo di Luis Alberto, propiziato da un errore goffo di Siebenhandl.

La gara però è viva in tutte le sue caratteristiche, perché lo Sturm Graz pressa anche in avanti, costringendo Provedel a un errore che propizia un destro di Horvat, fortunatamente impreciso. Croce e delizia il portiere nei primi venti minuti, ottimo fra i pali, meno nel resto. Ma è tutta la Lazio che non riesce a trovare soluzioni in mezzo al campo. Dopo la prima pressione è più semplice arrivare in zona gol. Tra Provedel e Marusic, in un paio di circostanze lo Sturm potrebbe anche trovarsi a un passo dal gol, con Stankovic prima e Prass dopo. I biancocelesti però non riescono a trovare il bandolo della matassa, perché i ritmi sono abbastanza alti e ripartire non è sempre semplice.

Sul finire di tempo c'è un contatto fra Cataldi e Ajeti, giudicato veniale dall'arbitro. Esperto il centrocampista della Lazio a spostare con l'anca l'attaccante austriaco. Pareggio sostanzialmente giusto, anche se ai punti lo Sturm Graz si è fatto vedere più spesso dalle parti di Provedel.