Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Le pagelle del Genoa - Sirigu fa il possibile. Prime complicate per Calafiori, Yeboah e Konko

Le pagelle del Genoa - Sirigu fa il possibile. Prime complicate per Calafiori, Yeboah e KonkoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 17 gennaio 2022, 22:52Serie A
di Dimitri Conti

Risultato: Fiorentina - Genoa 6-0

Sirigu 6 - Fa il possibile per tenere la barca a galla: si conferma pararigori fermando Vlahovic per primo ma non può evitare di essere impallinato sei volte. Non perfetto sulle punizioni di Biraghi.

Hefti 4 - Saponara gli si para di fronte come un incubo e gli procura un mal di testa continuo: comincia concedendo un rigore, prosegue in perenne e affannosa rincorsa anche quando entra Ikoné.

Ostigard 4,5 - Aveva ben impressionato nelle prime uscite col Grifone, stasera però anche lui viene spazzato via dalla potenza della Fiorentina. Marcatura decisamente rivedibile sul quarto gol.

Vanheusden 4 - Il centrale scuola Inter vive una pessima serata: sul secondo gol non legge bene la situazione, poi concede la punizione del 5-0 con una mano ingenua. Nel mezzo enorme fatica.

Calafiori 5 - Lanciato subito nella mischia, prima complicata e da dimenticare. Tiene in gioco Vlahovic sull’1-0, provando poi a salvare senza fortuna. Ammonito poco dopo, esce all’intervallo. Dal 46’ Bani 4,5 - Cinque minuti dopo il suo ingresso rimane esageratamente basso sul lancio di Bonaventura, tenendo così in gioco Vlahovic. Non aggiunge solidità.

Sturaro 5 - Sul piano della quantità si spende come al solito, rincorrendo avversari finché ne ha col piglio da capitano. L’azione del raddoppio viola, però, nasce da un suo pallone perso nel mezzo. Dal 46’ Melegoni 5 - Konko lo sceglie per dare copertura tra centrocampo e fascia, lui di fatto vive un secondo tempo in apnea a inseguire chiunque capiti. In ritardo sul sesto gol.

Badelj 5 - Ai microfoni del pre-partita ammette l’emozione ogni volta che deve tornare al Franchi. Stasera probabilmente, dopo la brutta figura dei suoi, saranno altri i sentimenti prevalenti.

Galdames 4,5 - Ko Rovella, tocca a lui dal 1’. Sarà il poco riscaldamento, la forza degli avversari o chissà per quale altro motivo, ma è quasi come se non fosse mai sceso davvero in campo.

Portanova 5,5 - Va vicinissimo all’eurogol in apertura di match, paradossale come il suo tentativo da cinquanta metri sia il più pericoloso del primo tempo. Alla fine del quale, ammonito, esce. Dal 46’ Ekuban 5,5 - Non che incida esageratamente, ma perlomeno confeziona grazie alla sua velocità e tenacia l’occasione più ghiotta del match per i suoi e Caicedo.

Yeboah 5 - Esordio in Serie A, non è certo la partita migliore per giudicarlo. La proposta offensiva del Genoa è nulla, inesistente, e i palloni buoni toccano lo zero. Non riesce a farsi notare. Dal 68’ Caicedo 5,5 - Quando entra lui la situazione è bella che compromessa, sul suo mancino capita il tiro più pericoloso dei suoi: angola un po’ troppo e va solo vicino al 6-1.

Destro 4,5 - Lui che dovrebbe essere faro e certezza verso la via del gol diventa una sorta di oggetto misterioso, reso sterile dal mancato gioco della sua squadra. Nell’ombra per oltre ottanta minuti. Dall’80’ Buksa sv.

Abdoulay Konko 4 - Promosso dalle giovanili per reggere la squadra ad interim, ci mette il suo tocco proponendo un 4-3-1-2. La risposta della squadra però non è all’altezza e già nel primo tempo si concretizza una sconfitta netta, pesantissima nel punteggio e sconcertante per differenza di proposta. Sognava una prima diversa, non può essere solo colpa sua.