Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Le pagelle dell'Inter - Lukaku sempre decisivo. Barella al bacio. Lautaro sprecone

Le pagelle dell'Inter - Lukaku sempre decisivo. Barella al bacio. Lautaro spreconeTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca 2021
mercoledì 13 gennaio 2021 17:50Serie A
di Pietro Lazzerini

Fiorentina-Inter 1-2
Marcatori: 40' Vidal, 57' Kouamé, 119' Lukaku

Handanovic 6: Non compie interventi fino alla metà della ripresa dove si fa trovare pronto su Bonaventura. Sul gol di Kouamé non può assolutamente niente.

Skriniar 5,5: Tanti falli e qualche sbavatura nel primo tempo e modus operandi che si ripete nella ripresa con Conte costretto a cambiarlo per evitare il rischio cartellino rosso. (Dal 61' De Vrij 6: Ordinato e sempre attento anche negli attacchi sporadici ma decisi che porta la Fiorentina in zona Handanovic).

Ranocchia 7: Grande partita del centralone eterna riserva. Poche sbavature e tanti interventi di testa. Autoritario, guida la difesa senza sbavature.

Kolarov 6: Da lui ci si aspetta altra qualità in fase di impostazione. Alla fine merita la sufficienza ma non è il giocatore che Conte sperava potesse fare la differenza.

Young 6: Poco propositivo in avanti anche se fa buona guardia in difesa. Conte lo sostituisce per dare maggiore spinta e un'alternativa per segnare. E ha ragione. (Dal 69' Hakimi 6: Entra in partita come un treno alta velocità. Va vicino al gol e mette in difficoltà la difesa viola. Ha un altro passo rispetto ai compagni anche se nel finale cala di ritmo trascinato al ribasso dai compagni).

Vidal 6,5: Primo gol in maglia nerazzurra per il cileno che si sblocca con un rigore battuto centralmente. E pensare che non doveva nemmeno giocare titolare ma grazie al forfait di Sensi si scrolla di dosso il peso del gol. (Dal 94' Brozovic 6: Entra per dare una mano ad Eriksen nella gestione del pallone ma sembra nervoso e falloso. Alla fine si porta a casa la sufficienza perché nel momento della spinta decisiva è comunque coinvolto nelle azioni più importanti).

Eriksen 6: Non aveva mai giocato 90 minuti in stagione, questa volta ne gioca 120. Da play. Un ruolo che fatica a vestire ma che man a mano è riuscito a fare parzialmente suo. A sprazzi sparisce ma da un suo tiro nasce l'azione del rigore e anche nei supplementari impegna Terracciano con un tiro da fuori. Se non dovesse essere ceduto, potrebbe trovare spazio in questo inedito ruolo.

Gagliardini 6: Partita solida a centrocampo senza colpi di classe o giocate da ricordare ma anche condita da pochi errori. (Dall'81' Barella 7: Entra e l'Inter cambia passo. L'assist al bacio per Lukaku vale il voto alto).

Perisic 6: Torna titolare e non demerita. Quando attacca con decisione è pericoloso, qualche volta però si scorda la decisione e il passo non basta.

Lautaro 5: Sbaglia un'occasione clamorosa a inizio ripresa dopo un primo tempo di sacrificio. Col passare dei minuti si allontana dal gioco e costringe il mister al cambio. (Dal 69' Lukaku 7: Sempre decisivo. Entra nella ripresa e nei supplementari, dopo aver preso le misure su angolo, segna il 2-1 che spinge l'Inter verso il derby contro il Milan in Coppa Italia).

Sanchez 6: Spazia in lungo e in largo ed è molto prezioso anche quando interrompe le azioni avversarie con intercetti in ogni parte del campo. Il suo voto scende di mezzo punto per la clamorosa occasione che si mangia nella ripresa a un metro dalla linea di porta.

Conte 6: Vede i fantasmi di Coppa quando Kouamé segna il pareggio e l'Inter non riesce a trasformare in gol le tante occasioni create. I cambi con la panchina nettamente di maggiore valore rispetto a quella della Fiorentina, gli permette di cambiare passo ma non di risparmiarsi i supplementari in una settimana importantissima visto il big match contro la Juventus previsto per domenica. Alla fine, l'obiettivo viene comunque centrato. Magari solo con un po' di ritardo.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000