Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
live

Inter, Simone Inzaghi è il nuovo allenatore. Il tecnico ad Appiano coi dirigenti

LIVE TMW - Inter, Simone Inzaghi è il nuovo allenatore. Il tecnico ad Appiano coi dirigentiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport
giovedì 03 giugno 2021 15:15Serie A
di Redazione TMW

Adesso è ufficiale. Antonio Conte non è più l'allenatore dell'Inter. Questo il live di Tuttomercatoweb.com sulla situazione in casa nerazzurra, con Zhang, Marotta e Ausilio che hanno scelto di puntare con forza su Simone Inzaghi della Lazio una volta capito che Max Allegri sarebbe andato alla Juventus. Di seguito tutti gli aggiornamenti, minuto per minuto, degli sviluppi di casa Inter.

15.15 - Anche l'agente di Inzaghi ad Appiano - Al Suning Training Center è da pochi minuti arrivato anche Tullio Tinti, agente che fra gli altri cura gli interessi di Simone Inzaghi. Il tecnico è all'interno del centro sportivo dell'Inter insieme al suo staff da prima di pranzo per un tour delle strutture nerazzurre, con loro anche Ausilio, Baccin e, da pochi minuti, Beppe Marotta. L'arrivo di Tinti permetterà di sistemare gli ultimi dettagli del contratto biennale firmato dal nuovo allenatore. Il presidente Zhang, invece, è ancora nella sede di Viale della Liberazione.

14.53 - Marotta ad Appiano - Al Suning Training Center è arrivato anche Beppe Marotta. All'interno del centro sportivo nerazzurro sono già presenti, oltre a Simone Inzaghi ed il suo staff, Piero Ausilio e Dario Baccin.

14.22 - Il tour di Inzaghi alla Pinetina - Prosegue il tour del nuovo tecnico dell'Inter Simone Inzaghi alle strutture del Suning Training Center di Appiano Gentile. Insieme al suo staff l'ex Lazio sta visitando i campi, le nuove camere a disposizione della squadra e la media house. Poi, come detto, Inzaghi si sposterà verso Viale della Liberazione per l'incontro in sede con Steven Zhang.

13.30 - Zhang arrivato in sede - Simone Inzaghi è arrivato da pochi minuti, insieme al suo staff, alla Pinetina per un primo contatto diretto col Suning Training Center. L'ufficialità del suo ingaggio da parte dell'Inter è finalmente arrivata, col nuovo allenatore che dopo il tour di Appiano si sposterà in sede per incontrare Steven Zhang. Il presidente nerazzurro, intanto, è arrivato in questi minuti nell'headquarter di Viale della Liberazione in attesa del tecnico.

13.03 - Simone Inzaghi è ufficialmente il dopo Conte - Simone Inzaghi è il nuovo allenatore dell'Inter. L'ufficialità è apparsa proprio in questi istanti sul sito del club nerazzurro che annuncia così il tecnico del dopo Antonio Conte. Questo il comunicato: "FC Internazionale Milano dà il benvenuto a Simone Inzaghi come nuovo allenatore della Prima Squadra: il tecnico ha firmato un contratto biennale con il Club nerazzurro. #WelcomeSimone".

12.57 - Inzaghi arrivato alla Pinetina col suo staff - Simone Inzaghi è arrivato in questi minuti alla Pinetina. A breve dovrebbe arrivare anche l'annuncio ufficiale da parte dell'Inter.

12.35 - Simone Inzaghi è arrivato a Milano - Simone Inzaghi è appena arrivato a Milano e a breve sarà alla Pinetina per il primo contatto reale con l'ambiente Inter. Al Suning Training Center, oltre che Marotta e Ausilio, il neo tecnico interista troverà anche il presidente Steven Zhang e l'occasione sarà quindi quella giusta per fare anche un punto mercato, oltreché per organizzare il ritiro e le amichevoli estive.
Contestualmente, poi, dovrebbe arrivare anche quell'ufficialità che da giorni sta slittando, con Inzaghi che sembra oramai aver definito tutti i dettagli e risolto le pendenze economiche col presidente della Lazio Claudio Lotito.

09.40 - Oggi l'ufficialità di Inzaghi. E l'incontro con Zhang alla Pinetina - Quella di oggi si prospetta giornata importante in casa Inter. Salvo sorprese infatti nelle prossime ore sarà finalmente annunciato Simone Inzaghi come nuovo allenatore, con l'oramai ex Lazio che è atteso a Milano per un primo vero contatto con la realtà nerazzurra. Farà tappa alla Pinetina, al Suning Training Center, Simone Inzaghi, accompagnato da Beppe Marotta e Piero Ausilio.
Lì incontrerà anche il presidente Steven Zhang per un primo confronto diretto, un faccia a faccia nel quale lo stesso Zhang ribadirà la voglia di mantenere la squadra competitiva dopo il successo di quest'anno. Con l'Inter che intende, almeno in linea teorica, sacrificare il solo Hakimi per far respirare le casse societarie.

22.00 - Lukaku: "Resterò, ho parlato con Inzaghi" - Romelu Lukaku resterà all'Inter anche nella prossima stagione. A rassicurare i tifosi nerazzurri è stato lo stesso attaccante belga che dal ritiro della sua Nazionale ha affermato: "Sì, resterò all'Inter. Ho già parlato con colui che sarà il nostro prossimo allenatore (Simone Inzaghi ndr). Forse non dovrei ancora dirlo, ma è stata una conversazione molto positiva".

15.24 - Conte verso il Tottenham? Il Tottenham ha deciso di accelerare e di provare un all-in tutto italiano. Confermate le indiscrezioni dell'ultima ora sulla trattativa con Antonio Conte: l'allenatore è in contatto con gli Spurs per valutare concretamente il progetto della formazione inglese. Dopo quelli con il Real Madrid, poi non concretizzatisi per il ritorno clamoroso di Carlo Ancelotti, Conte stava cercando di capire eventuali spiragli francesi in casa Paris Saint-Germain. Mauricio Pochettino, però, al momento pareva esser pronto a lasciare Parigi ma per andare a Madrid mentre per il ritorno a Londra, sponda Tottenham, pare tutto fermo. Per questo Daniel Levy, numero uno degli Spurs, sembra aver rotto gli indugi.

13.09 - I lettori di TMW approvano la scelta di Inzaghi - Simone Inzaghi è l'allenatore giusto per l'Inter del dopo Antonio Conte. Questa la risposta data dalla maggior parte dei tifosi nerazzurri al nostro sondaggio sugli sviluppi della panchina dei campioni d'Italia. Su quasi 3000 preferenze, oltre il 70% di voi ha risposto positivamente alla domanda "Simone Inzaghi è la scelta giusta per il dopo Conte?".

Risultati sondaggio TMW (2892 voti)
Sì, il più adatto ai giocatori in rosa. Può dare continuità al progetto (70,2%)
No, la società doveva puntare su un allenatore di più alto profilo (29,8 %)

09.24 - Domani l'annuncio? Arrivano conferme: sembra atteso per domani l'annuncio di Simone Inzaghi come nuovo allenatore dell'Inter.

22.38 - Accordo Lotito-Inzaghi per l'addio del tecnico - Mancava solo l'ok di Lotito per ufficializzare il passaggio di Simone Inzaghi all'Inter, e nelle ultime ore è stata finalmente trovata la quadra tra l'allenatore e il numero uno biancoceleste. Secondo quanto riportato da La Repubblica infatti, sarebbero stati risolti i problemi di natura economica che non permettevano al tecnico di liberarsi dal club capitolino. Adesso è tutto risolto e giovedì dovrebbe arrivare l'annuncio del suo approdo all'Inter. L'accordo con i nerazzurri è biennale, e l'ingaggio si aggirerà intorno ai 4 milioni di euro.

20.10 - Inzaghi valuta già la rosa - In attesa degli annunci, sono costanti e quotidiani i contatti fra Simone Inzaghi, i dirigenti dell'Inter e i giocatori. L'idea del prossimo tecnico nerazzurro, spiega Sky Sport, è quella di utilizzare la rosa in tutta la sua profondità. In tal senso, potrebbero diventare nuovamente importanti giocatori come Sensi e Vecino che, per motivi diversi, negli ultimi mesi di Conte erano quasi spariti dai radar.

15.45 - Lazaro come opzione in più per l'Inter - Valentino Lazaro ritorna alla base. Dopo il prestito al Borussia Monchengladbach, l’esterno austriaco ha fatto rientro all'Inter. Il club nerazzurro ha investito molto sul giocatore che ha ancora tre anni di contratto. Come si legge sull’edizione odierna di Tuttosport, l'esterno potrebbe essere valutato da Simone Inzaghi per la prossima stagione.

14.15 - Thohir: "Tentato dal ricomprare l'Inter" - L'ex proprietario dell'Inter Erick Thohir ha rivelato, in un podcast con lo youtuber Deddy Corbuzier, di essere stato tentato a ricomprare il club nerazzurro: "Sì, la tentazione di riprendermi l'Inter c'è stata - ha ammesso Thohir nelle parole riportate da Republika -, specialmente dopo che ha vinto lo scudetto. Con la pandemia ancora in corso, sarebbe difficile farlo"

11.00 - Manca davvero poco per l'annuncio di Simone Inzaghi sulla panchina dell'Inter - Il tecnico, ormai ex, della Lazio siederà sulla panchina dei nerazzurri con cui firmerà un contratto biennale da 3,5 milioni di euro più bonus. L'ufficialità non dovrebbe più slittare e potrebbe arrivare fra giovedì o venerdì. Come riporta l'edizione odierna del Corriere dello Sport, a venire incontro al club di via della Liberazione la nuova norma che sarebbe in arrivo e che prevede ai tecnici in via di scadenza di poter prendere accordi preliminari prima del termine del contratto per poter iniziare a programmare la nuova stagione. Non sarebbe quindi necessario l'ok da parte del patron biancoceleste Claudio Lotito.

9.11 - Il primo banco di prova per Inzaghi sarà il mercato - Il primo ritiro estivo sarà anche un casting per Simone Inzaghi: obiettivo individuare tra i giovani mandati a giocare nell’ultima stagione chi può già essere da Inter. Il mercato nerazzurro è quanto mai liquido quest’anno (eventuali offerte vanno sempre e comunque esaminate con cura) però, parallelamente, rispetto a quanto accaduto nel recente passato, quando dietro ai big furono scelti giocatori con solida esperienza in A e nelle Coppe Europee (Kolarov il paradigma), sarà importante rendere fruttifere le risorse già a disposizione: lo sottolinea Tuttosport.

MARTEDÌ 1 GIUGNO

22.07 - L'annuncio si avvicina: possibile tra domani e dopodomani - Potrebbe arrivare tra domani e dopodomani l'annuncio ufficiale di Simone Inzaghi all'Inter. A riferirlo è Sky Sport, secondo cui il club nerazzurro avrebbe accelerato l'iter burocratico propedeutico a formalizzare l'approdo in nerazzurro dell'ex tecnico della Lazio.

21.06 - Il saluto di Milinkovic-Savic a Simone Inzaghi - Anche Sergej Milinkovic-Savic si è unito al coro di giocatori biancocelesti che hanno voluto rivolgere pubblicamente i propri ringraziamenti a Simone Inzaghi dopo l'addio del tecnico alla Lazio. Questo il messaggio postato su Instagram dal centrocampista serbo: "5 anni di battaglie combattute insieme. Io mettevo tutte le mie energie, tu finivi tutta tua voce. È stato un onore. Grazie di tutto Mister e buona fortuna".

19.44 - Conte non pensa all'Inter e si gode il meritato riposo - Un po' di meritato relax per Antonio Conte, ancora in attesa di conoscere il suo futuro dopo l'addio all'Inter. Il tecnico salentino è in vacanza e si gode il mare, come dimostra un post pubblicato sul suo profilo Instagram, con tanto di didascalia: "Io ed il mare.."

18.35 - Lukaku eletto MVP della stagione - Romelu Lukaku è stato nominato miglior giocatore della Serie A 2020/21. A deciderlo la Lega Serie A, che quest'oggi sta assegnando i premi ai migliori calciatori dell'ultimo campionato. Miglior Under 23 Dusan Vlahovic, miglior portiere Gianluigi Donnarumma, miglior difensore Cristian Romero, miglior centrocampista Nicolò Barella, miglior attaccante Cristiano Ronaldo. Ed ecco il migliore di tutti, il belga Romelu Lukaku, che la Serie A delinea così: "Strapotere atletico, tecnica superiore e assoluto trascinatore. I numeri della sua stagione sono straordinari: 24 gol e 11 assist!".

17.45 - Anche Padelli ringrazia Conte - Daniele Padelli, da poche ore nuovo portiere dell'Udinese, ha voluto salutare sui social Antonio Conte dopo la vittoria dello Scudetto con la maglia dell'Inter: "Nella gioia la mia immensa forma di gratitudine", ha scritto il portiere taggando lo stesso Conte e postando due foto che li ritraggono insieme.

14.35 - Contatto telefonico Inzaghi-Lukaku - Contatto telefonico fra Simone Inzaghi e Romelu Lukaku, secondo la Gazzetta dello Sport. Il neo tecnico nerazzurro ha voluto rassicurare il belga sulla bontà del nuovo progetto, con entrambi che non vedrebbero l'ora di incrociarsi dal vivo, di scambiarsi idee e concetti di gioco e di provarli poi in campo. La telefonata ha fatto molto piacere al belga, che dopo l'Europeo sarà pronto a mettersi a disposizione del suo nuovo allenatore.

12.30 - Eriksen: "Addio di Conte uno shock" - Christian Eriksen ha così parlato a TV2 dell'addio di Antonio Conte alla panchina dell'Inter: "L'addio di Conte è stata una grande sorpresa. Vincere un campionato è qualcosa di speciale. E' assurdo perché ho letto la notizia così come tutti gli altri. All'improvviso, se n'è andato. Adesso ufficialmente non abbiamo un allenatore, quindi non so cosa accadrà. Non me lo aspettavo, sapevamo che avrebbe avuto un incontro con la società, ma è successo anche dopo la scorsa stagione. E' stato un vero shock calcistico, non avevamo la sensazione di un addio adesso. Non so esattamente come sia andata".

10.40 - Hakimi e Joao Mario i sacrificati dell'Inter - Achraf Hakimi e Joao Mario. Saranno loro i due sacrifici che l'Inter farà in questa parte iniziale di calciomercato, assicurandosi un tesoretto da circa 70 milioni di euro e mettendosi con questo al riparo da eventuali proposte al ribasso per i suoi gioielli. Il marocchino andrà con ogni probabilità al Paris Saint Germain, per quello che sarà l'addio più doloroso, dopo un solo anno dal suo arrivo a Milano. Per quel che riguarda il portoghese sarà invece lo Sporting ad acquistare il suo cartellino a titolo definitivo, ma in questo caso nessuno si strapperà i capelli, visto che non è mai stato un vero e proprio giocatore su cui l'Inter ha puntato.

LUNEDÌ 31 MAGGIO

19.14 - Inzaghi all'Inter, Acerbi si congeda sui social - Francesco Acerbi saluta mister Simone Inzaghi, prossimo allenatore dell'Inter. Il leader della difesa della Lazio ha dedicato un bel messaggio su Instagram al suo ormai ex tecnico, ringraziandolo per la fiducia mostrata nei suoi confronti negli ultimi tre anni: "Grazie MISTER per questi 3 anni passati insieme, mi hai voluto fortemente e mi hai fatto sentire importante dandomi sempre fiducia. Questo mi è servito a crescere professionalmente, posso dire che sei stato fondamentale. Io ho sempre cercato di dare il massimo per ricambiarla. Ti auguro il meglio e ti auguro anche una carriera ricca di gioie e soddisfazioni. Ci vediamo sul campo a lottare come siamo abituati a fare", le parole del centrale biancoceleste.

10.50 - Inter, occhi sullo staff di Inzaghi: si tratta per i "tattici", sicuri in Farris, Cecchi e Ripert
Simone Inzaghi è pronto a sbarcare a Milano. Il tecnico firmerà un contratto con l’Inter e sta trattando con il presidente della Lazio Claudio Lotito per alcuni membri dello staff tecnico. Secondo quanto riporta l’edizione odierna di Tuttosport, approderanno in nerazzurro il vice Massimiliano Farris, il collaboratore tecnico Mario Cecchi e il preparatore Fabio Ripert. Si tratta invece per almeno uno dei tre tattici Enrico Allavena, Ferruccio Cerasaro e Riccardo Rocchini a cui si uniranno il preparatore dei portieri Adriano Bonaiuti e il nutrizionista Matteo Pincella.

DOMENICA 30 MAGGIO

18.09 - Inter, Materazzi approva l'arrivo di Inzaghi: "Ci deve riportare lo Scudetto del 5 maggio"
Dopo la rottura con Antonio Conte, l'Inter ha deciso di affidare la propria panchina a Simone Inzaghi. Una scelta che Marco Materazzi, nel corso di una diretta Instagram con la pagina 7 Corriere, ha commentato in questo modo: "Penso siano tutti un po' scettici. Intanto Simone ci deve riportare lo Scudetto del cinque maggio. L'Inter ha una grandissima opportunità di mantenersi al vertice. Simone negli ultimi anni ha fatto benissimo, il suo lavoro è passato un po' sottotraccia perché l'ha fatto in 'patria'. Attualmente è uno dei più preparati tra i giovani allenatori italiani, ma adesso deve fare il cosiddetto salto".

15.32 - Lukaku scosso, necessario chiarimento con Inzaghi - Era molto legato ad Antonio Conte, Romelu Lukaku, scosso per l'addio dell'ormai ex allenatore dell'Inter. Pertanto il primo compito di Simone Inzaghi - scrive La Gazzetta dello Sport - è quello di convincerlo a restare. Il bomber nerazzurro è l'ultimo dei sacrificabili e il nuovo allenatore si spenderà in prima persona, ricordandogli che ci sa fare con gli attaccanti: vedi Ciro Immobile che, con lui, ha vinto la Scarpa d'Oro e segnato 150 reti. La prima telefonata di Inzaghi da allenatore dell'Inter sarà fatta a Romelu: nessuno vuole darlo via in Viale della Liberazione.

12.50 - Obiettivo quarto posto, è stato deciso nel primo confronto - La prima riunione operativa tra Marotta, Ausilio e Inzaghi è avvenuta in conference call. Lo riferisce l'edizione odierna del Corriere dello Sport, secondo cui l'annuncio ufficiale potrebbe slittare addirittura a fine mese (anche se non è escluso che venga anticipato a settimana prossima). Il motivo è presto detto: i dettagli burocratici sono già stati sistemati, ma il club nerazzurro preferisce non creare ulteriori tensioni con Lotito. A Inzaghi, cui è stato presentato un quadro nitido della situazione societaria, è stato chiesto come obiettivo prioritario classificarsi tra le prime quattro in classifica, cercando di arrivare agli ottavi di Champions

10.37 - Primo confronto sul mercato già avvenuto - Ieri non sono arrivati annunci ufficiali, che non significano però problemi. Fra l'Inter e Simone Inzaghi è tutto definito, firmerà un biennale da 4.5 milioni, bonus compresi. E' probabile, che con il weekend alle porte, tutto slitti a inizio settimana. Nel frattempo Inzaghi è ovviamente già in contatto costante con Marotta e Ausilio e secondo Tuttosport ieri c’è stata una lunga conference call per parlare del prossimo mercato. Inzaghi sa bene che ci saranno delle cessioni importanti e ha accettato il progetto ma confida che qualche pedina funzionale arrivi.

SABATO 29 MAGGIO

23.02 - Simone Inzaghi ha firmato con l'Inter - Si chiude la lunghissima avventura di Simone Inzaghi con la Lazio: il tecnico piacentino ha appena firmato con l'Inter, a Milano.

21.00 - Intanto è partito il mercato in uscita - Achraf Hakimi si avvicina al Paris Saint-Germain. I contatti tra l'Inter e i parigini si sono intensificati nelle ultime ore: si tratta di un affare tra i 50 e i 60 milioni di euro di valutazione complessiva. Può essere dunque il marocchino il sacrificio illustre che il club di viale della Liberazione sarà costretto a compiere quest'estate: i nerazzurri sono fiduciosi di evitarne altri, scrive la rosea, fermo restando il diktat di centrare un attivo di mercato tra i 90 e i 100 milioni.

18.35 - Dirigenti ancora all'interno della sede - La dirigenza dell'Inter al gran completo, racconta Sky Sport, è ancora all'interno della sede nerazzurra per portare avanti le questioni relative al nuovo allenatore. Che come noto sarà Simone Inzaghi, anche se l'ufficialità potrebbe slittare ai prossimi giorni.

17.08 - Antonello: "Lavoriamo per la soluzione corretta" - Alessandro Antonello ha ritirato il premio "Rosa Camuna" a Palazzo Lombardia. Queste le sue parole sul prossimo tecnico Simone Inzaghi: "Lavoriamo per trovare la soluzione corretta, abbiamo un progetto e una strategia, ogni tanto capita di rivedere i programmi ma siamo sicuri di poter garantire una prestazione all'altezza della squadra che ha vinto il campionato".

16.51 - Ufficiale il rinnovo di Bastoni - Alessandro Bastoni ha rinnovato il contratto con l'Inter. Ecco il comunicato: "FC Internazionale Milano comunica di aver raggiunto un accordo per il prolungamento di contratto del giocatore Alessandro Bastoni: il difensore classe 1999 sarà nerazzurro fino al 30 giugno 2024".

15.37 - Conte in pole per il Real Madrid - Antonio Conte viaggia a ritmo spedito verso il Real Madrid dopo la risoluzione dell'accordo con l'Inter. Ieri sera vi abbiamo riportato di un Conte in pole per raccogliere l'eredità di Zinedine Zidane, una notizia confermata quest'oggi da El Chiringuito, trasmissione sempre ben informata sulle vicende di casa Real. "Il Real Madrid è in pole e Conte vuole andare al Real Madrid", si legge.
Il tecnico pugliese che da ieri ha avviato i contatti con Florentino Perez tramite il suo fratello-agente è pronto a ripartire: contatti serrati col Real Madrid.

14.55 - L'annuncio può slittare di qualche giorno - L'annuncio di Simone Inzaghi come nuovo allenatore dell'Inter, atteso per le prossime ore, potrebbe slittare di qualche giorno ed arrivare la prossima settimana. A raccontarlo è Sportmediaset. Nessun intoppo dietro l'eventuale ritardo, semplicemente una questione di tempistiche e burocrazia visto che formalmente il tecnico è legato alla Lazio fino al 30 giugno. In particolare, spiega l'emittente, l'intoppo riguarda premi e bonus che lo stesso Inzaghi deve ancora percepire e che il presidente Lotito, scottato dagli sviluppi della vicenda, non vorrebbe garantirgli. Piccole schermaglie che comunque non mettono in discussione l'operazione. Al massimo, potrebbero ritardarla di qualche ora o di qualche giorno.

14.39 - Intanto Skriniar conferma di voler restare - Milan Skriniar ha parlato alla testata slovacca Sport Aktuality dell'addio di Conte e del suo futuro: "Non mi aspettavo che il mister andasse via, inutile negare che ci ha sorpreso. Ho scoperto tutto dai giornali, adesso vedremo man mano cosa accadrà. Ciò però non cambia la mia volontà: l’ho già detto in passato, io voglio restare all’Inter".

13.38 - Simone Inzaghi è la scelta giusta? Vota il sondaggio di TMW! - L'enorme vuoto lasciato da Antonio Conte in casa Inter sarà colmato, nelle prossime ore, da Simone Inzaghi. Una scelta che vi convince o avreste preferito qualche altro profilo? Esprimi la tua preferenza tramite il sondaggio di TMW, cliccando qui!

12.45 - Lo staff di Simone Inzaghi - Simone Inzaghi è pronto a firmare il suo contratto che lo legherà all'Inter per le prossime due stagioni e La Gazzetta dello Sport di questa mattina parla di quello che sarà il suo staff: lo seguiranno il fidato vice Massimiliano Farris, il collaboratore tecnico Mario Cecchi e il preparatore Fabio Ripert. I vecchi collaboratori, invece, vanno via assieme a Conte, eccetto due: il preparatore dei portieri Adriano Bonaiuti e il nutrizionista Matteo Pincella.

9.43 - Giornata di annunci - Dopo le trattative e i colpi di scena delle ultime ore oggi sarà la giornata dell'annuncio di Simone Inzaghi come nuovo tecnico dell'Inter. L'accordo è stato trovato nella giornata di ieri e a breve arriverà il comunicato del club nerazzurro sull'arrivo dell'ormai ex allenatore della Lazio.

VENERDÌ 28 MAGGIO

21.50 - Inzaghi saluta i tifosi della Lazio - "Con grande emozione voglio informarvi che il 30 giugno si concluderà la mia meravigliosa avventura con la Lazio". Simone Inzaghi saluta con una dichiarazione all'ANSA, i tifosi biancocelesti, ufficializzando la fine del suo rapporto con il club in vista di quello che appare l'ormai praticamente certo approdo all'Inter. "Ringrazio la società - prosegue - il presidente, i giocatori e i tifosi che mi hanno accompagnato in questi splendidi 22 anni da giocatore e da allenatore. Abbiamo lottato e vinto insieme. Questi colori sono e resteranno per sempre nel mio cuore: il bianco e il celeste saranno per sempre parte della mia anima".

19.28 - Inter-Inzaghi: accordo totale su tutto - Simone Inzaghi sarà il prossimo allenatore dell'Inter. La decisione è ormai stata presa e la firma del tecnico arriverà tra stasera e domani mattina, dopo di che la società di viale della Liberazione emetterà il comunicato ufficiale. Accordo totale su tutto tra lo stesso Inzaghi e l'Inter, con lo stipendio che dovrebbe essere di 4 milioni di euro a stagione più bonus, per un biennale con opzione sul terzo.

19.10 - Marotta: “Il nuovo tecnico? Non lo sappiamo neanche noi. Forse entro stasera… - Ospite di un evento organizzato da Il Foglio Sportivo, l’ad dell’Inter ha dribblato le domande sul futuro allenatore nerazzurro: “Chi sarà? Non lo sappiamo neanche noi. Non sto scherzando. Entro stasera forse riusciamo ufficiosamente a fare qualcosa”.

19.00 - Inzaghi verso il sì all'Inter - Simone Inzaghi si avvicina a grandi passi all'Inter. Nonostante le parole di Lotito di poco fa, che ha annunciato che "a breve verrà comunicato il rinnovo dell'allenatore con la Lazio fino al 2024", l'ultimo colloquio tra l'allenatore e il presidente biancoceleste è finito male, dopo che lo stesso Inzaghi aveva chiesto altro tempo prima di prendere la decisione definitiva. Dopo la litigata tra i due il sì all'Inter: adesso devono essere soltanto trattati i dettagli del contratto.

18.29 - Lotito: "A breve faremo l'annuncio del rinnovo di Inzaghi fino al 2024" - Arriva un'altra clamorosa notizia sul possibile futuro di Simone Inzaghi. Mentre il tecnico sta trattando ancora con l'Inter, dopo aver avvertito la Lazio dei suoi colloqui con i nerazzurri, il presidente dei biancocelesti, Claudio Lotito, ha affermato a Il Messaggero: "Annuncio del rinnovo di Inzaghi sino al 2024? A breve lo faremo".

18.13 - Inzaghi all'Inter? Accordo vicino a 4 milioni a stagione per tre anni - Simone Inzaghi potrebbe davvero prendere il posto di Antonio Conte sulla panchina dell'Inter. Secondo quanto raccolto dalla nostra redazione il tecnico sembra essere vicino all'accordo con i campioni d'Italia e le cifre dell'ingaggio sarebbero intorno ai 4 milioni di euro a stagione più bonus. Le parti stanno trattando sulla durata, che potrebbe essere di tre anni. In tutto questo la Lazio, come vi abbiamo raccontato, è al corrente dei nuovi contatti dell'allenatore con i nerazzurri e lo stesso Inzaghi, nella telefonata con i biancocelesti, ha parlato di una questione di stimoli e motivazioni.

17.23 - L'agente di Bastoni e Inzaghi nella sede dell'Inter - Tullio Tinti, agente di Simone Inzaghi, è tornato all'interno della sede dell'Inter. Il procuratore segue anche Alessandro Bastoni e ufficialmente è a colloquio con la dirigenza nerazzurra per il rinnovo del difensore, ma è difficile pensare che non si possa parlare anche del tecnico, che ha l'accordo con la Lazio ma non ha ancora firmato.

17.22 - Nuovi contatti per Inzaghi - L’Inter ci riprova per Simone Inzaghi. Riallacciati in questi minuti i contatti con l’allenatore della Lazio che sembra ad un passo dal rinnovo del contratto fino al 2024 (mancherebbero solo le firme). Secondo quanto filtra da ambienti nerazzurri però l’allenatore potrebbe accettare il corteggiamento dell’Inter. Con la Lazio che se lo scenario si verificasse si ritroverebbe spiazzata. Sono ore calde, l’Inter prova a fare un nuovo tentativo, adesso, in extremis, per Simone Inzaghi.

16.18 - Anche Pintus lascia l'Inter - Non solo Antonio Conte. Secondo i colleghi de la Repubblica nelle scorse ore hanno salutato l'Inter anche diversi componenti dello staff tecnico, fra questi anche il preparatore atletico Antonio Pintus.

16.03 - Steven Zhang in sede - Il presidente dell'Inter Steven Zhang è arrivato pochi minuti fa nella sede nerazzurra di Viale della Liberazione. Sono ore sempre più calde per la ricerca del sostituto di Antonio Conte.

14.18 - Tutti i nomi per il dopo Conte - Inter a caccia di un allenatore per la prossima stagione. I nerazzurri sono rimasti spiazzati dal rinnovo di Simone Inzaghi con la Lazio, perché tutto faceva ipotizzare che il dopo Antonio Conte potesse essere l’attuale e futuro allenatore biancoceleste. Tra i nomi valutati per la prossima stagione in casa nerazzurra Sinisa Mihajlovic del Bologna, Paulo Fonseca ex Roma ma anche i profili argentini di Esteban Cambiasso bandiera nerazzurra e pronto per una nuova avventura da allenatore (la sua candidatura potrebbe prendere forza nei prossimi giorni) e Guillermo Barros Schelotto ex Palermo e Boca, che ha allenato anche i Los Angeles Galaxy di Ibra. Da non escludere un tentativo per il Cholo Simeone in odore di rinnovo con l’Atletico Madrid. Sarri al momento non intriga è un nome comunque valutato. E sullo sfondo Laurent Blanc. Inter al lavoro, a caccia del nome giusto per il dopo Antonio Conte...

14.08 - Conte saluta l'Inter - Antonio Conte saluta l'Inter, dopo l'addio annunciato nella giornata di ieri. Per farlo, l'ex ct si è affidato alla propria pagina Instagram: "Che percorso in questi due anni! Ogni giorno abbiamo fatto crescere in noi sempre più forza, determinazione, volontà e sacrificio, riuscendo a spezzare le logiche della mediocrità di cui spesso siamo circondati. No scuse, no alibi, ma solo lavoro, lavoro e lavoro, unito al rispetto ed all’educazione. Abbiamo riportato lo scudetto all’Inter dopo 11 anni, ma soprattutto riportato l’Inter nel posto dove merita di stare per storia e tradizione. GRAZIE a chi ha reso possibile tutto questo! Calciatori, Staff, Presidente, Dirigenti e Tutte quelle persone che ci hanno aiutato e supportato in questi due anni.

Ai Tifosi dell’Inter mi permetto di dire, che in un periodo molto difficile per tutti a causa della pandemia, abbiamo sempre sentito il loro supporto, calore e vicinanza. L’immagine della Coppa dello Scudetto alzata dall’anello più alto di San Siro con Voi in festa, la porterò sempre con me! GRAZIE! Ad Maiora Semper!!!

Antonio".

13.41 - Sabatini su Mihajlovic - Il coordinatore dell'area tecnica del Bologna Walter Sabatini è intervenuto a Radio Kiss Kiss commentando brevemente anche le voci sul possibile interesse da parte dell'Inter per Sinisa Mihajlovic: "Mihajlovic all'Inter? Speriamo non si faccia prendere da questo vortice e resti a Bologna".

12.53 - Ceccarini: "Allegri ha declinato, Inzaghi... pure" - Niccolò Ceccarini, espero di calciomercato, ha parlato ai microfoni di Radio Nerazzurra della situazione Inter: “Inzaghi ieri sera ha trovato un accordo con la Lazio. L'idea Inter è durata solo un pomeriggio, una serata, non di più. Allegri ha declinato l’invito dell’Inter che lo aveva contattato, ha due situazione aperte: quella più probabile è la Juventus e forse di mezzo c’è anche il Real Madrid".

11.55 - Chi sono gli allenatori sulla lista di Marotta - Massimiliano Allegri è vicinissimo al ritorno alla Juventus, Simone Inzaghi resterà alla Lazio. Con l'Inter che dovrà così vagliare piste alternative. Uno dei nomi, per la Gazzetta dello Sport, è quello di Sinisa Mihajlovic: ex nerazzurro, avrebbe carisma e autorevolezza per raccogliere l'eredità di Marotta. Col serbo c'è anche Paulo Fonseca, allenatore in uscita dalla Roma (che quest'anno ha sperimentato la difesa a 3, ndr). Chi sembra defilato è invece Maurizio Sarri, con le caratteristiche della rosa che mal si adattano alla sua idea di calcio. E pure Gian Piero Gasperini non è sulla lista di Marotta. Attenzione infine alla pista estera, con Sergio Conceiçao che potrebbe diventare un'idea dopo la fumata nera col Napoli.

11.41 - Massimiliano Allegri torna alla Juventus - Massimiliano Allegri è pronto a tornare alla guida della Juventus: si è sbloccata stamane la trattativa per il ritorno del tecnico livornese in bianconero, all'indomani dell'addio di Paratici alla Vecchia Signora. Per Andrea Pirlo dunque dovrebbe chiudersi dopo un solo anno l'avventura sulla panchina della Juve.

11.15 - Ieri cena fra Marotta e Allegri? Massimiliano Allegri verso la Juventus, ma come detto l'Inter anche nelle ultime ore ha fatto di tutto per provare il sorpasso. Il Corriere dello Sport racconta un retroscena secondo cui il tecnico livornese, nella serata di ieri, si sarebbe visto a cena con Beppe Marotta. Un incontro segreto, lontano da occhi indiscreti. Un tentativo in extremis da parte del dirigente nerazzurro per provare a spostare la bilancia, anche se come detto la Juventus è avanti visto il vantaggio accumulato nelle scorse settimane.

09.35 - Con Conte via anche Oriali - Non solo Antonio Conte ed il suo staff. La giornata di ieri, spiega il Corriere dello Sport, ha di fatto sancito anche l'addio all'Inter anche di Lele Oriali. Per chi ruota intorno a Conte la mossa di ieri non è stata una sorpresa, visto che tutti, da Oriali all'ultimo dello staff, erano stati avvertiti per tempo.

9.14 - Dove allenerà Allegri?- Ora può succedere davvero di tutto. La Gazzetta dello Sport in edicola oggi dedica ampio spazio alla vicenda panchine, con Massimiliano Allegri che può tornare su quella della Juventus nelle prossime 48 ore. L'Inter però cercherà il sorpasso, come si legge sulla rosea in edicola oggi. Un'impresa complicata visto che la Juventus è in netto vantaggio, ma l'Inter farà un ultimo tentativo per il sorpasso.

GIOVEDI' 27 MAGGIO

23.59 - Niente Inzaghi: resta alla Lazio Non sarà Simone Inzaghi l'erede di Antonio Conte. Ha trovato l'intesa con la Lazio per restare, contratto fino al 2024.

23.40 - Terremoto panchine: Zidane si starebbe per dimettere Una notizia che scuote il mercato internazionale. Zinedine Zidane avrebbe deciso di dimettersi con effetto immediato dal ruolo di allenatore del Real Madrid. E adesso? Di fatto ai Blancos possono andare tre nomi. Raul Gonzalez Blanco, promosso dal Castilla. Massimiliano Allegri, seguito da tempo dal club madridista e col quale c'è già stato più di un contatto. E poi Antonio Conte, che da contratto non potrà andare in Italia la prossima stagione ma che è uno dei papabili per il Madrid. Attende la Juventus, che pensa ad Allegri per il dopo Andrea Pirlo e anche l'Inter: i nerazzurri hanno Allegri come sogno e Simone Inzaghi ora come alternativa, ma col tecnico che potrebbe rinnovare con la Lazio con cui si sta vedendo in questi istanti.

22.35 - Il saluto di Lukaku Anche Romelu Lukaku ha voluto scrivere il suo personale saluto ad Antonio Conte che nella giornata di oggi ha risolto consensualmente il contratto con l'Inter, lasciando dunque la panchina nerazzurra: "Nel 2014 abbiamo parlato per la prima volta e da allora abbiamo avuto un legame. Abbiamo avuto molti momenti in cui potevamo lavorare insieme, ma solo Dio sa perché non è mai successo prima. Sei arrivato al momento giusto e in pratica mi hai cambiato come giocatore e mi ha reso ancora più forte mentalmente e, cosa più importante, abbiamo vinto insieme! Vincere è ed è tutto ciò che conta per te e sono contento di averti avuto come allenatore. Manterrò i tuoi principi per il resto della mia carriera (preparazione fisica, mentale e solo la voglia di vincere...), è stato un piacere giocare per te! Grazie per tutto quello che hai fatto. Ti devo molto".

20.56 - Il saluto di Zanetti - Il vicepresidente dell'Inter, Javier Zanetti, ha salutato con un messaggio Antonio Conte, che ha risolto consensualmente il suo contratto con il club nerazzurro nella giornata di oggi: "Ho avuto il privilegio di lavorare al tuo fianco in questi due anni. Oltre al lato professionale dove il lavoro quotidiano è stato straordinario, mi mancherà il lato umano di un grande gruppo di lavoro. Sempre insieme, uniti, con la testa all’obiettivo per il bene dell’Inter nonostante tutte le difficoltà. Volevo ringraziarti di cuore per tutto quello che hai fatto per noi, per l’Inter dove non sarai dimenticato e hai scritto un’altra pagina della nostra lunga, straordinaria storia. Ti mando un forte abbraccio, proprio come quello che ci siamo dati prima di ogni partita. Quello che credo sia lo stesso abbraccio che vorrebbe darti ogni tifoso interista. Lavorare insieme a te e al tuo staff, Antonio, è stato un onore e un vero piacere. Ti auguro tutto il meglio per il tuo futuro. Lo meriti davvero. A presto".

19.22 - UFFICIALE: CONTE NON E' PIU IL TECNICO DELL'INTER FC Internazionale Milano comunica di aver trovato l’accordo per la risoluzione consensuale del contratto con l’allenatore Antonio Conte. Tutto il Club desidera ringraziare Antonio per lo straordinario lavoro svolto, culminato con la conquista del diciannovesimo Scudetto. Antonio Conte rimarrà per sempre nella storia del nostro Club.

19.08 - Zhang lascia la sede Steven Zhang, Presidente dell'Inter, ha lasciato adesso la sede nerazzurra in Viale della Liberazione. Nessuna dichiarazione, atteso a breve il comunicato dell'addio ad Antonio Conte.

18.14 - Conte-Inter: accordo sulla buonuscita - Sarebbe arrivata in questi istanti l'intesa tra Antonio Conte e l'Inter per la separazione. Buonuscita da 7.5 milioni di euro per l'allenatore salentino. L'annuncio dell'addio potrebbe arrivare a breve.

17.46 - Trattativa su buonuscita Prosegue la trattativa per la buonuscita di Antonio Conte e l'Inter. In caso di intesa, le parti hanno deciso di annunciare subito la separazione: sono ore e minuti in cui gli entourage del tecnico e la dirigenza nerazzurra sono in contatto continuo. La situazione è chiara: l'Inter non esonererà Conte per non dover pagare i 13,5 milioni di ingaggio restanti, il tecnico non si dimetterà per dire addio allo stipendio. Dunque trattativa sulla buonuscita: l'intesa potrebbe essere trovata a metà strada, con una richiesta iniziale di 9 di Conte e la proposta del club di accettare 6.5 senza però andare in un altro club (Juventus) in questi giorni.

17.25 - Marotta e Ausilio via dalla sede - L'amministratore delegato dell'Inter, Beppe Marotta, e il direttore sportivo, Piero Ausilio, hanno lasciato la sede del club nerazzurro. Nelle prossime ore sono attese novità in merito all'addio di Antonio Conte

17.00 L'agente di Simone Inzaghi nella sede dell'Inter - Tullio Tinti è stato per oltre due ore nella sede dell'Inter, questo pomeriggio. Tinti è procuratore di Ranocchia, Darmian e Bastoni, ma anche di Simone Inzaghi. E il tecnico biancoceleste, in caso di addio di Conte, è nome che la dirigenza nerazzurra sta valutando per la sostituzione. "Sono venuto per i miei calciatori", si è limitato a dire Tinti al nostro inviato prima di entrare in auto.

16.04 - Allegri difficile col ridimensionamento - Il Corriere della Sera parlando della situazione di casa Inter e del sempre più probabile addio con Antonio Conte, racconta i retroscena di quello che sarebbe il sostituto ideale secondo il club, ovvero Massimiliano Allegri. Nelle settimane passate ci sono stati dei contatti con l'allenatore livornese, su cui adesso è però forte la Juventus. Oltre all'ostacolo bianconero, l'Inter difficilmente incasserebbe il suo sì di fronte alla prospettiva di un ridimensionamento tecnico ed economico.

14.56 - Inter vorrebbe clausola "anti Serie A" sulla buonuscita - Sono ore frenetiche in casa Inter, con l'addio di Antonio Conte che sembra oramai sempre più vicino nonostante la presa di posizione della tifoseria nerazzurra. All'interno della sede sono radunati il presidente Steven Zhang e tutti i massimi dirigenti, da Marotta ad Ausilio, anche per portare avanti le trattative col tecnico per la buonuscita che sancirebbe definitivamente l'addio. Ed in tal senso, il collega di Libero Fabrizio Biasin rivela un retroscena: Conte per rinunciare al suo anno di contratto chiede 9 milioni di euro, la società è disposta a concederne 6,5 con l'inserimento di una clausola che gli impedirebbe di allenare in Serie A nella prossima stagione.

14.05 - Sondaggio esplorativo per Simone Inzaghi - La situazione in casa Inter è in costante e continua evoluzione. Il futuro di Antonio Conte sembra sempre più lontano dalla panchina nerazzurra del prossimo anno, con il presidente Steven Zhang e i dirigenti che in questo momento si trovano all'interno della sede di Viale della Liberazione per provare a trovare una via d'uscita. Il piano A dell'Inter resta quello legato alla permanenza del tecnico che ha portato in bacheca il 19° Scudetto della storia, ma come detto le frizioni sono sempre più forti.
Per questo, secondo le ultimissime raccolte da TMW, i vertici nerazzurri hanno iniziato a sondare le possibili alternative ed in tal senso è da registrare un contatto di questa mattina, al momento puramente esplorativo, con Simone Inzaghi. L'attuale allenatore della Lazio questa sera si incontrerà col presidente Claudio Lotito per quello che si annuncia come un faccia a faccia decisivo per capire il suo futuro sulla panchina biancoceleste.

13.50 - In sede anche l'avvocato Capellini - All'interno della sede nerazzurra, oltre al presidente Steven Zhang e alla dirigenza, è presente anche l'avvocato Angelo Capellini, ovvero l'uomo dei contratti e degli aspetti legali di casa Inter. Anche oggi, così come nei due giorni precedenti, il legale nerazzurro è al lavoro insieme al resto della dirigenza.

13.32 - Rappresentanza dei tifosi a colloquio con i dirigenti - Come detto, la tifoseria organizzata dell'Inter si è schierata apertamente con Antonio Conte e tutta la squadra. Una presa di posizione forte, totalmente contraria alle idee del presidente Steven Zhang, come sottolineato senza troppi giri di parole da uno degli striscioni esposti in Viale della Liberazione: "Zhang prenditi le tue responsabilità o lascia la nostra città".
In aggiunta, secondo le ultimissime raccolte da TMW, alcuni rappresentanti della Curva Nord nerazzurra sono attualmente all'interno della sede nerazzurra per un confronto diretto con la società.

13.23 - I tifosi si schierano al fianco di Antonio Conte - I tifosi dell'Inter prendono posizione. E si schierano apertamente al fianco di Antonio Conte. Una delegazione della tifoseria nerazzurra infatti ha esposto due striscioni sotto la sede di Viale della Liberazione: "Ridimensionare i campioni è solo da coglioni. Mister, staff e giocatori non si toccano" il primo ad essere appeso. Quindi un messaggio ancora più diretto al presidente Steven Zhang: "Zhang prenditi le tue responsabilità o lascia la nostra città".

12.59 - Rinnovo proposto con taglio del 20%: anche così Conte ha rotto con l'Inter - L'addio di Antonio Conte all'Inter è una possibilità concreta. Che sta maturando con forza, sia nelle menti del tecnico che in quelle della società. E pure nei portafogli, con la trattativa per la buonuscita che è già iniziata.
A pesare per il tecnico ci sono stati molti fattori: l'intransigenza da parte della proprietà sui tagli necessari alla rosa, al monte ingaggi, il sacrificio di un paio di big e un mercato all'orizzonte non certo faraonico. Non solo: all'interno di questa riduzione dei costi, c'era anche l'ingaggio di Conte e del suo staff. La richiesta da parte del club era di tagliare, così come per i giocatori, del 20% circa lo stipendio: un rinnovo ma con taglio sostanzioso dell'ingaggio, un altro dei fattori che ha portato Conte a pensare all'addio. Ma il club non lo esonererà, poiché altrimenti sarebbe costretto a pagare per intero lo stipendio da 13 milioni restanti per la prossima stagione. Quel che filtra dal club è che 'andrà avanti con Conte', ma è una strategia di una partita a scacchi volta a trovare un accordo più vantaggioso possibile sull'addio.

12.00 - In sede Zhang e la dirigenza al completo - In attesa di aggiornamenti sul futuro di Conte, all'interno della sede nerazzurra di Viale della Liberazione sono già presenti il presidente Steven Zhang e la dirigenza con Marotta, Ausilio e Zanetti.

11.51 - Lukaku, Lautaro, Hakimi, Bastoni. Tutti i big che potrebbero salutare - La rottura fra l'Inter e Antonio Conte, con l'addio che potrebbe materializzarsi già nelle prossime ore, avrà ripercussioni anche sulla rosa nerazzurra. Tanti big, infatti, secondo la Gazzetta dello Sport potrebbero assecondare le richieste in arrivo da mezza Europa.

Via almeno due top? L'Inter ha necessità di chiudere il mercato con un attivo di circa 100 milioni. Per il quotidiano l'ideale sarebbe cedere giocatori come Brozovic ed Eriksen, ma al momento sembrano altri quelli con le offerte più allettanti. Lautaro Martinez continua a piacere a Real Madrid e Atletico (per Tuttosport i Blanocs potrebbero mettere sul piatto 90 milioni di euro fra cash e sconto per Hakimi), Alessandro Bastoni è nel mirino delle big inglesi col Manchester City in pressing. Su Achraf Hakimi si sta muovendo il PSG in aggiunta al Bayern Monaco, ma l'addio di Conte potrebbe incidere soprattutto sul futuro di Romelu Lukaku: il belga, senza l'ex ct azzurro, potrebbe chiedere la cessione. Con la Premier League che potrebbe mettere sul piatto offerte superiori ai 100 milioni di euro. E chissà che eventuali discorsi di cessione non possano riguardare anche stefan De Vrij o Nicolò Barella.

11.15 - Da Allegri a Sarri, i possibili sostituti - Con l'addio di Antonio Conte all'Inter, quali sono i nomi dei possibili sostituti? Un tema ricorrente su molti quotidiani, fra cui la Gazzetta dello Sport che indica Massimiliano Allegri come il primo della lista, anche se come noto sul livornese ci sono anche Juventus, Real Madrid e sembra anche il PSG.
Il secondo nome è quello di Maurizio Sarri, anche se le caratteristiche della squadra non sembra particolarmente adatte alle sue idee di calcio. Il terzo è Sinisa Mihajlovic, spesso in passato accostato all'Inter. Il serbo rappresenterebbe una sorta di linea di continuità con la gestione Conte. Quindi Simone Inzaghi che questa sera nell'incontro con Lotito potrebbe dire addio alla Lazio. Per il Corriere dello Sport, oltre ai già citati, nel novero dei possibili successori c'è anche Paulo Fonseca, fresco di addio alla Roma.

10.56 - Il terremoto non riguarderà la dirigenza - Non solo la delicata e incerta situazione di Antonio Conte. Secondo la Gazzetta dello Sport nei giorni scorsi anche la dirigenza nerazzurra al gran completo era particolarmente dubbiosa sul futuro nel club. L'arrivo del prestito da 275 milioni di euro dal fondo Oaktree, però, ha rasserenato almeno in parte gli animi e convinto Marotta, Ausilio e Antonello a restare anche il prossimo anno, ovvero l'ultimo presente sul proprio contratto.

10.30 - "Conte è solo e rischia di finire spalle al muro", l'apertura di Tuttosport - Antonio Conte, anche secondo Tuttosport, non è affatto convinto delle prospettive riguardanti il futuro dell'Inter che gli hanno prospettato Marotta e Ausilio prima dell'ultima contro l'Udinese. Nelle scorse ore Conte è andato a Torino con la famiglia, prima di rientrare ieri a Milano in attesa di sviluppi. L'incontro col presidente Steven Zhang, però, probabilmente non andrà in scena da qui a venerdì (giorno in cui Conte lascerà nuovamente Milano). La linea in fondo è già chiara e parla di austerity, autofinanziamento, tagli sugli ingaggi e plusvalenza sul mercato.

No all'esonero - L'Inter, vista la situazione economica, non ha intenzione di esonerare Conte. Anzi, la proprietà si aspetta che sia il tecnico a fare un passo indietro nel caso in cui non dovesse accettare la nuova linea. Conte ha uno stipendio da circa 13 milioni di euro netti per la prossima stagione, possibile che venga trovata una soluzione a metà strada a circa 7 milioni di euro come buonuscita.

10.00 - "In pratica è finita...", l'apertura del Corriere dello Sport - Entro fine settimana, scrive il Corriere dello Sport, la risoluzione del contratto fra l'Inter e Antonio Conte sarà messa nero su bianco. L'idea dell'Inter resta quella di incassare almeno 90 milioni dal mercato di di tagliare di almeno il 15% le spese sugli ingaggi, condizioni con cui Conte non può e non vuol proseguire.

Come si arriverà all'addio - Forte di un contratto in essere anche per la prossima stagione da oltre 12 milioni a stagione, Conte non se ne andrà gratis. La società, visti i problemi finanziari, spera ovviamente di non dovergli corrispondere alcuna buonuscita ma tutto è ancora in divenire. I termini economici già da qualche giorno sono termini di discussione e non sono esclusi colpi di scena anche in questo senso. Con Conte che comunque non vuol scendere al di sotto dei 7 milioni netti.

09.45 - "L'Inter e Conte vanno spediti verso la separazione", l'apertura della Gazzetta dello Sport - Entro le prossime 48 ore, scrive la Gazzetta dello Sport, l'Inter e Antonio Conte si diranno addio salvo sorprese. Un lasso di tempo che servirà per ratificare il tutto, con le decisioni che oramai sembrano prese. Con le motivazioni che oramai sono note a molti: l'Inter ha necessità di tagliare i costi e chiudere in attivo il prossimo mercato, esigenze che non collimano con le ambizioni del tecnico pugliese.

La mission dell'Inter - Il club ha necessità di chiudere il mercato con circa 100 milioni di plusvalenza. Senza contare il taglio degli stipendi del 15-20%. Come detto idee che Conte non può accettare, viste le sue ambizioni e ciò che gli era stato prospettato due anni fa. Da qui insomma si arriverà all'addio, con l'Inter che riconoscerà economicamente (tramite una buonuscita) il suo lavoro. Quanto? Per il quotidiano almeno la metà dei 12 milioni (+1) netti che l'ex ct avrebbe guadagnato in questa stagione.

Striscione Zhang
Striscione Zhang
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000