Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
live

Sassuolo, Dionisi: "Troppa superficialità ma bilancio più che positivo"

LIVE TMW - Sassuolo, Dionisi: "Troppa superficialità ma bilancio più che positivo"TUTTOmercatoWEB.com
domenica 22 maggio 2022, 20:37Serie A
di Antonio Parrotto
Premi F5 per aggiornare la diretta!

20.20 - È terminato il campionato. Il Sassuolo ha perso per 3-0 contro il Milan, con i rossoneri campioni d'Italia e il tecnico neroverde Alessio Dionisi commenta il match in sala stampa. Tra poco le sue dichiarazioni live.

20.26 - Inizia la conferenza.

Come spiega questa partita?
"Lascia il gusto un po' amaro per una stagione positiva. Potevamo finire meglio. Sapevamo di avere di fronte una squadra forte e motivata, forse solo il Napoli era motivato così quando lo abbiamo affrontato e proprio per quella esperienza sapevamo che sarebbe stato difficile a livello di motivazioni. Siamo stati un po' superficiali in campo purtroppo. Il Milan crea già per merito, se poi c'è anche demerito nostro...dispiace per i ragazzi. Nel secondo tempo Magnanelli ci ha dato un po' di equilibrio. Concedere quello che abbiamo concesso per nostra superficialità dispiace: abbiamo iniziato e finito con superficialità. Non dobbiamo però dimenticare quello che c'è in mezzo, forse non tutti avrebbero scommesso su 50 punti, la crescita dei giovani, la squadra è cresciuta, speriamo che questo ci serva per la prossima stagione".

Il bilancio della stagione com'è?
"Il punteggio è buono, la crescita e il gioco sono stati positivi. Abbiamo avuto alti e bassi dovuti a inesperienza, atteggiamento e su questo abbiamo margine. Peccato non aver raggiunto la decima posizione perché era alla nostra portata, per scontri diretti la classifica dice che siamo undicesimi ma 50 punti sono un buon bottino per una squadra non dico rifondata ma con tanti ragazzi alla prima esperienza da titolare, con un mister nuovo, ma questo è un nuovo inizio e speriamo che si possa dare continuità a questo inizio, il più possibile".

Che idea si è fatto in vista dell'anno prossimo?
"Sui movimenti di mercato non so, non li determiniamo noi, il mercato in uscita lo determinano le altre. Abbiamo iniziato a parlare da un po' di tempo per programmare. Se uscirà qualcuno e dico se perché non credo che ad oggi si sia mosso qualcosa, se uscirà qualcuno sarà ben rimpiazzato. Cerchiamo di dare più continuità possibile da questo campionato di buon livello, più riusciremo a dare continuità e più sarà facile ripartire".

Il secondo tempo a Magnanelli cos'è, un omaggio o una vostra necessità?
"Non sono solito omaggiare nessuno. Francesco ha fatto qualcosa di incredibile, 17 anni con la stessa maglia. Abbiamo 4 centrocampisti in rosa e giocando con tre centrocampisti mi sentivo di fare un cambio, non l'avevo pensato prima, con Lopez che era stato ammonito e non potevamo correre il rischio di finire in 10, sotto di 3 gol".

Un commento invece su Peluso?
"Federico ha una storia diversa ma ha avuto un grandissimo percorso, il suo curriculium parla da solo, giocare tanti anni a Sassuolo, ha un c.v. importante, salutiamo due ragazzi che hanno dato tanto a questa squadra".

Come si migliora questa squadra?
"Mi piace spendere anche due parole per Satalino, non è semplice fare il terzo portiere in una squadra, l'allenatore non riesce a ripagarlo per tutto quello che dà e devo ringraziarlo per tutto quello che ha dato e sono contento di avergli concesso gli ultimi 10 minuti, tutti i compagni lo volevano, non ho fatto entrare Pegolo che continuerà a dare tanto. La squadra si migliora dando continuità, poi se uscirà qualcuno verrà ben sostituito, con motivazioni maggiori rispetto alle quali abbiamo iniziato. All'inizio c'è stata superficialità perché qualche ragazzo aveva aspettative diverse, spero che questo finale possa convincere tanti ragazzi a ripartire con tanto entusiasmo".

Una fotografia felice e una meno della stagione?
"La prima che mi viene in mente è quella della vittoria di Bologna perché ci ha portato a 50 punti, era un obiettivo fare più punti rispetto all'andata. Se devo pensare a una nota negativa dico a come abbiamo finito. È un peccato, non che il Milan abbia vinto qui ma che non abbiamo fatto una partita all'altezza. Fa tutto parte del percorso. Ci sono più note positive, la crescita dei ragazzi, i giovani, e se ci sarà continuità avremo modo di crescere sia io che la squadra".

20.36 - Fine conferenza stampa.