Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Roma, Mourinho: "Oggi abbiamo fatto la storia. Futuro? Resto per dare seguito a questa storia"

Roma, Mourinho: "Oggi abbiamo fatto la storia. Futuro? Resto per dare seguito a questa storia"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 25 maggio 2022, 23:37Serie A
di Tommaso Maschio

Il tecnico della Roma, visibilmente emozionato, José Mourinho ha parlato a Sky Sport della vittoria in Conference League contro il Feyenoord al primo anno alla guida del club giallorosso: “Ci sono tante cose che passano nella mia testa in questo momento. Sono a Roma da undici mesi e ho capito fin da subito dove mi trovavo. Come ho detto ai ragazzi, a Torino nello spogliatoio, abbiamo fatto quello che dovevamo fare, il nostro lavoro, ma oggi non era lavoro era storia e abbiamo scritto la storia. La Conference League è una competizione che dall’inizio pensavamo di poter vincere, piano piano diventava sempre più forte e abbiamo incontrato squadre sempre più forti, ma noi ci puntavamo e abbiamo sacrificato qualche punto in campionato senza però perdere la qualificazione in Europa League. - continua il portoghese parlando del futuro - Io rimango, anche se arriva qualche voce od offerta, voglio restare a Roma e bisogna capire cosa i nostri proprietari vogliono fare nella prossima stagione perché possiamo dare seguito a questa storia, dobbiamo definire la direzione per la prossima stagione. Mi sento romanista, come mi sento interista, chelsista, sono pazzo del Real Madrid, ma per tutto il rispetto per i club in cui ho lavorato mi sento romanista al 100%. Oggi mi hanno detto che ho raggiunto mister Trapattoni, vincendo in tre decadi diverse, e questo mi fa sentire un po' vecchio, ma ora vado in vacanza, mi siedo davanti alla spiaggia davanti a casa mia e penso a tutto questo".

Cosa prova ad aver vinto a Roma al suo primo anno?
"La cosa bella della mia carriera, al di là della vittoria con il Manchester United, è stato vincere con il Porto, l'Inter e ora con la Roma ed è qualcosa di speciale, che fa la felicità di un popolo. Vincere quando tutti se lo aspettano è facile, mentre è speciale vincere quando si fa qualcosa di davvero storico. Spero che i tifosi ci aspettino e facciano festa con tutti noi".