Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Salernitana, dopo tanti rifiuti è tempo di accelerare: si prova a calare il poker

Salernitana, dopo tanti rifiuti è tempo di accelerare: si prova a calare il pokerTUTTOmercatoWEB.com
© foto di TuttoSalernitana.com
mercoledì 10 agosto 2022, 09:14Serie A
di Luca Esposito

Dopo aver incassato una serie di rifiuti, al punto da scendere in campo in coppa Italia contro il Parma con almeno sei calciatori in lista di sbarco e che non erano titolari nemmeno in B, la Salernitana prova ad accelerare per evitare di rivivere una stagione di sofferenza come quella conclusa il 22 maggio con una miracolosa e rocambolesca salvezza. Il presidente Danilo Iervolino, affiancato dai suoi preziosi collaboratori, ha deciso quasi di agire da solo e di portare avanti alcune trattative che faticavano a sbloccarsi. E così, nella giornata di ieri, sono stati costanti i colloqui telefonici con due calciatori che innalzerebbero notevolmente il livello della rosa. Si tratta di Antonio Candreva e Giulio Maggiore. Nel primo caso c'è grande ottimismo: la Sampdoria ha detto sì, l'agente del giocatore è in ottimi rapporti con De Sanctis e reputa valida l'offerta, mister Nicola lo accoglierebbe a braccia aperte anche a costo di cambiare qualcosa dal punto di vista tattico. Si stanno limando gli ultimi dettagli, il sogno è di poterlo già convocare per la sfida di domenica contro la Roma ma è corsa contro il tempo. Maggiore, invece, ci sta pensando e ha chiesto altre 24-48 ore. Il quadriennale da 800mila euro messo sul tavolo dalla società granata è "tanta roba" e, nel mentre, non c'è stato alcun rilancio da parte di club che lottano per obiettivi più prestigiosi. Lo Spezia ha necessità di incassare per reinvestire su altri giocatori e spinge affinché Maggiore accetti: ai liguri andrebbero circa 4 milioni di euro. In attacco, invece, Piatek non convince in pieno e pare sia corsa a due tra Dia e Diallo, con il primo leggermente in vantaggio. Ma è una situazione che cambia di ora in ora.

Così come cambia quella relativa a Luca Ranieri. Iervolino ha raggiunto l'accordo con l'entourage del calciatore, il costo del cartellino è dimezzato rispetto a un mese e mezzo fa e la sensazione è che, a 2 milioni di euro, si possa chiudere in dieci minuti. Nicola sarebbe ben felice di avere nuovamente a disposizione uno dei protagonisti principali della salvezza, capace di ricoprire più ruoli e di colmare una evidente lacuna tecnica e numerica. E' il ds De Sanctis, a quanto filtra, che sta mostrando qualche perplessità, ma la partenza tutt'altro che positiva di Pirola e i tanti infortuni a sinistra sono elementi che impongono una accelerata. Alla fine deciderà Iervolino. E' già virtualmente granata, e sta per sostenere le visite mediche, Tonny Vilhena: prestito con diritto di riscatto, possibile convocazione già contro la Roma. Anche perchè a centrocampo è totale emergenza: Radovanovic non si allena da quasi un mese, Mamadou Coulibaly ieri sera ha firmato per la Ternana, Cavion e Capezzi sono in uscita e si attendono oggi i risultati degli esami strumentali a cui si è sottoposto Bohinen. Non c'è ottimismo, si teme uno stop medio-lungo e si spera di escludere il coinvolgimento del crociato. Intanto domenica sera ci sarà la solita, splendida cornice di pubblico all'Arechi. Ai 7200 abbonati vanno aggiunti i 7500 biglietti venduti in 48 ore, per un totale di 15000 spettatori e una curva Sud praticamente sold out. Da Roma saranno in 2000, con alcune restrizioni che non consentiranno a supporters residenti nel Lazio di acquistare biglietti per tribuna e distinti. Ma una piccola macchia giallorossa mescolata al muro granata sarà indubbiamente presente un po' ovunque. Ad oggi sarebbe davvero Davide contro Golia, al punto che la dirigenza ha messo in preventivo "una partenza difficile, siamo in oggettivo ritardo" mentre Nicola sostiene con onestà che "non bisogna partire battuti, ma ad ora la Salernitana non è competitiva". Ma, calando il poker d'assi e con la spinta dell'Arechi, nulla è impossibile. Senza dimenticare che, grazie all'intermediazione del patron, ci sarà a disposizione anche Pasquale Mazzocchi, suo malgrado protagonista di una lunga telenovela estiva che si chiude con il lieto fine. Ai tifosi il compito - o il consiglio - di non fischiare e di sostenere un calciatore che, al 100%, può essere il valore aggiunto sulla corsia di destra.