Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Soldi in cassa o budget per il difensore? Tra Akanji e Acerbi, l'Inter aspetta l'ok di Zhang

Soldi in cassa o budget per il difensore? Tra Akanji e Acerbi, l'Inter aspetta l'ok di ZhangTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 18 agosto 2022, 09:30Serie A
di Ivan Cardia

Se dipendesse soltanto da Simone Inzaghi, probabilmente Francesco Acerbi sarebbe già alla Pinetina. A livello tecnico, l'unico vero dubbio che potrebbe avere il tecnico è sul piede: su sei difensori centrali, avere ben tre mancini potrebbe essere un rischio. Tanto più se si considera che D'Ambrosio e Darmian (o Dimarco, le dinamiche non sono ancora del tutto chiare) sono comunque adattati al ruolo. L'usato garantito rappresentato dalla colonna difensiva della "sua" Lazio, però, sarebbe la soluzione perfetta per l'allenatore dell'Inter, che a chiare lettere ha detto di aspettarsi un centrale, qualcuno che prenda il posto di Ranocchia e magari possa anche giocare qualche partita in più.

Akanji un (possibile) investimento, ma serve l'ok di Zhang. Per questo, al momento, il nome preferito in difesa dall'Inter, considerata nel suo complesso, sembra quello del difensore del Borussia Dortmund. Classe '95, piace anche alla Roma, con i tedeschi ha rotto anche se si vocifera possa rinnovare per tentare un'uscita più semplice: fosse così, un prestito con diritto di riscatto sarebbe possibile e metterebbe d’accordo tutti. Allo stato attuale, dal Signal Iduna Park difficilmente scenderanno sotto i 15 milioni di euro come richiesta, che per la verità oggi si aggira sui 20. Così, la palla finisce dritta sui piedi di Steven Zhang. Dopo Pinamonti, il presidente ha avallato la cessione di Cesare Casadei, utile per dare ossigeno alle casse nerazzurre. Dei soldi arrivati dal Chelsea bisogna però decidere che fare: ficcarli in cassaforte, dato che le richieste - il famoso più sessanta - erano e sono chiare, oppure rimetterli a disposizione della dirigenza per tentare di portare a casa un rinforzo che sia utile nell'immediato ma possa rivelarsi anche un risorsa, pure economico, nel lungo periodo.

Altrimenti, affondo su Acerbi? Non da dare così tanto per scontato, in tutti i sensi. Partiamo dalle tempistiche: difficile si chiuda davvero nel weekend, anche se questo dipende da quando Zhang darà le nuove direttive. A ogni modo, per la Lazio è in uscita ma ha anche un contratto fino al 2025. E il motto di Lotito, pagare moneta e vedere cammello, è ben noto: in passato, si sa, è stato molto restio a farsi prendere per il collo. D'altra parte, va detto, la situazione di Acerbi è ben lontana da precedenti illustri stile Pandev o Ledesma. Per l'Inter, però, sarebbe fattibile a condizioni abbastanza chiare: in prestito o a costo (quasi) zero. Così, anche per il laziale serve un'apertura di Lotito. Arriverà, proprio per fare felice l'allenatore protagonista un anno fa di un clamoroso strappo? In caso contrario, potrebbero tornare d'attualità nomi proposti nelle ultime settimane, come Tanganga o Zagadou, sul quale si è mossa anche la Roma di recente.