Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw radio

De Paola: “Juve, Nedved dovrebbe dimettersi. CR7 perfetto per Spalletti”

TMW RADIO - De Paola: “Juve, Nedved dovrebbe dimettersi. CR7 perfetto per Spalletti”TUTTOmercatoWEB.com
lunedì 29 agosto 2022, 11:53Serie A
di TMWRadio Redazione

Paolo De Paola, ex direttore del Corriere dello Sport e Tuttosport, ospite dell’editoriale di TMW Radio. Di seguito l’estratto del suo intervento con il podcast completo:

Il video che sta girando in queste ore sui social che ritrae il vice presidente della Juventus, Nedved, che danno d’immagine crea per la società?
“Non mi permetto di commentare la vita privata, però se diventa di dominio pubblico e coinvolge il vice presidente della Juventus una riflessione va fatta. Per me dovrebbe dimettersi, ci può stare un momento di sbandamento però con un ruolo di questo genere come fai poi a confrontarti con un giocatore che fa lo stesso errore. Non devi farti vedere in pubblico in certe condizioni. Non credo però che succeda qualcosa, a meno che non ci sia un confronto tra i cugini Agnelli. Io però penso che debba esser preso un provvedimento e spingerei Nedved verso le dimissioni, ma si parla di rapporti umani e non entrerei troppo nel merito.

Dopo tre giornate non c’è una squadra a punteggio, che campionato stiamo vedendo?
“Il Napoli poteva ritrovarsi da solo a punteggio pieno, ma al primo ostacolo vero che ha trovato davanti è stato fermato. Pur con una sconfitta rovinosa l’Inter è a un punto dalla vetta, fa impressione la Juve dietro al Torino. Il Milan sembra una macchina da guerra in questo momento, siamo ancora in una fase interlocutoria del campionato. Ci sono un po’ di cose da rivedere intorno alla Juventus. Non è accettabile che dopo un aumento di capitale di 700 milioni alla seconda giornata dopo un pareggio a Genova si debba sentire “la Juve non ha preso gol”. È troppo poco, anche quanto visto contro una Roma che è stata poca roba a Torino.

Inzaghi sbaglia la partita con i tre cambi?
“La sbaglia anche con l’approccio, sicuramente hanno inciso i cambi e le scelte tattiche di Inzaghi, dall’altra parte ho visto un miglioramento della Lazio e Sarri la sta portando a un certo livello di gioco. I tre gol della Lazio nascono però da tre errori individuali gravi della difesa dell’Inter. Si è visto un Lukaku molto spento, e ora si aggiunge anche lo stop fisico. C’è sicuramente qualcosa da rivedere, ma non sono d’accordo con l’esagerazione dei commenti nei confronti di Inzaghi”.

Il Napoli ha bisogno di Ronaldo in questo momento?
“Con un’offerta per Osimhen da 130 milioni più il prestito di Ronaldo con l’80% di ingaggio pagato si tratterebbe di un’operazione economica eccezionale. Poi è chiaro che a Napoli si passa da un entusiasmo clamoroso alle critiche per un pareggio a Firenze. Non si può però parlare di un’operazione sbagliata, a queste cifre sarebbe folle non dare una chance a un giocatore che sta cercando disperatamente la Champions. Nel gioco di Spalletti poi secondo me Ronaldo si inserirebbe benissimo”.

In coda chi è maggiormente in difficoltà?
“Sicuramente il Monza, ma quello che mi chiedo è come si faccia a dare una panchina a Stroppa. Lo avevamo già visto a Crotone, quando c’è da fare una critica va fatta e Stroppa in questo momento cerca di essere spregiudicato, ma questo Monza non riesce né ad essere spregiudicato né a salvarsi, andando avanti così. Anche la Samp sta facendo una fatica enorme con Giampaolo, anche se in questo caso vanno fatti anche i complimenti alla Salernitana, al lavoro di Nicola e della società”.