Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Bari, Mignani sulle tracce di Conte: numeri simili all’ultima promozione. E attacco migliore

Bari, Mignani sulle tracce di Conte: numeri simili all’ultima promozione. E attacco miglioreTUTTOmercatoWEB.com
martedì 4 ottobre 2022, 12:34Serie B
di Tommaso Maschio

Michele Mignani sulle tracce di Antonio Conte. La partenza a razzo del suo Bari infatti per i numeri somiglia molto a quella dell’ultima promozione quando sulla panchina sedeva l’attuale tecnico del Tottenham. La squadra è imbattuta da sette turni, come il Napoli di Spalletti e l’Atalanta di Gasperini in Serie A, un dato che fa sorridere visto che nella storia dopo una partenza così in Serie B è arrivata sempre la promozione: nel 1931 Janos Hajdu; nel 1933/34 con Tony Gargnelli, nel 1988/89 Gaetano Salvemini; Giuseppe Materazzi firmò la promozione del 1993/94; mentre il 2008/09 è l’anno della spettacolare cavalcata di Antonio Conte. Se dal punto di vista dei punti, considerando i tre punti a vittoria, solo Hajdu e Klein hanno fatto meglio di Mignani, che è alla pari con Bolchi e Materazzi, dal punto di vista realizzativo nessuno ha segnato quanto l’attuale squadra biancorossa almeno dalla stagione 1929/30.

Come riporta Tuttosport da sottolineare c’è anche il peso del pubblico visto che il Bari ha fatto registrare il pienone con il Palermo (35.377 spettatori), mentre contro il Brescia nell’ultimo turno c’erano 23.936. Sono stati complessivamente 77.416 i tifosi al San Nicola, con una media di 25.805 contro gli 84.467 del Palermo in 4 partite, però, al “Barbera”: 21.835 col Perugia, 22.163 con l’Ascoli, 23.643 con il Genoa e 16.726 sabato col SudTirol. Insomma, anche da questo punto di vista tutto va in un’unica direzione sulla strada della A. E non basterà lo scoglio della multiproprietà a frenare l’istinto di gloria che accomuna Aurelio e Luigi De Laurentiis. Mai come stavolta ostinati ad arrivare sino in fondo”.