Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Papu Gomez: "Un sogno giocare nel Siviglia come Diego. Ora mi sto sentendo importante"

Papu Gomez: "Un sogno giocare nel Siviglia come Diego. Ora mi sto sentendo importante"TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 15 aprile 2022, 13:11Altre Notizie
di Tommaso Maschio

Il fantasista del Siviglia Alejandro Gomez ha rilasciato una lunga intervista a Marca soffermandosi sulla stagione con il club andaluso, in piena corsa per un posto nella prossima Champions League, e anche sulla possibile partecipazione ai Mondiali con l’Argentina: “Non poter aiutare la squadra a causa dell’infortunio è davvero brutto e frustrante. Questa stagione è stata migliore della passata, ma credo fosse solo questione di tempo. Ho sempre avuto fiducia nelle mie capacità e quando ho iniziato a sentirmi importante per la squadra ho iniziato a giocare più liberamente. Alla fine ero arrivato a gennaio, poi sono partito per la Copa America e praticamente non avevo mai fatto preparazione con il club, ma col passare dei mesi ho iniziato a sentirmi sempre meglio. - continua il Papu - Mi fa piacere che i compagni mi cerchino quando hanno bisogno, a qualsiasi giocatore piace sentirsi importante nello spogliatoio ed essere nel vivo del gioco quando scende in campo. Lopetegui ha capito che posso giocare sia da interno sia da esterno, anche se sulla fascia bisogna portare più palla e affrontare più uno contro uno, ma sono felice della sua fiducia. Real Madrid? C’è una rivalità importante e vogliamo cercare di dare una gioia al nostro pubblico visto che giocheremo in casa. E poi dobbiamo vincere per cercare di restare in alto in classifica”.

Spazio poi alla sfida con Modric: “Per me è un punto di riferimento, soprattutto ora che ho cambiato posizione e gioco più dietro. Lo osservo con grande attenzione perché è un fenomeno e riesce a gestirsi in maniera incredibile giocando sempre su altissimi livelli- è un professionista con tutte le lettere maiuscole. L’età? Il calcio di oggi si è evoluto, fino a 15 anni fa un 33enne era da pensione, mentre oggi vediamo giocatori di 37-38 anni che giocano ad altissimi livelli. E oltre alla cura del fisico conta tantissimo la testa, perché è quella che comanda il corpo”.

Infine una battuta sul Maradona, che ha vestito anch'egli la maglia del Siviglia: "Maradona? Per me è sempre stato un sogno giocare con una maglia che aveva indossato anche Diego, venire al Siviglia è stato dunque un sogno perché noi argentini abbiamo sempre visto questo club e il Napoli come le squadre in cui ha giocato con affetto e amore”.