Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
esclusiva

Cavasin: "Stavo volando in Congo, ora riparto dalla Prima Categoria"

ESCLUSIVA TMW - Cavasin: "Stavo volando in Congo, ora riparto dalla Prima Categoria"
© foto di Federico De Luca
mercoledì 08 settembre 2021 09:54Che fine ha fatto?
di Gaetano Mocciaro

Alberto Cavasin torna in campo. A 65 anni si rimette in gioco, nel vero senso della parola: lo fa ripartendo dalla Prima Categoria nel Bari Sardo, squadra che rappresenta l'omonimo comune in provincia di Nuoro. Lontano dai riflettori ma con la stessa passione. Ai microfoni di Tuttomercatoweb il tecnico racconta la sua scelta:

Alberto Cavasin riparte dal Bari Sardo, in Prima Categoria. Scelta singolare anche perché non ha mai giocato né allenato in Sardegna
"La Sardegna la conosco abbastanza bene, ci sono sempre venuto in ferie e la conosco da turista e l'ho conosciuta da turista negli anni. È un magnifico posto ma finiva tutto in questo contesto".

"Una persona a me vicina, Paolo Campolo, addetto ai lavori e direttore sportivo, mi diceva che aveva aperto una collaborazione con questa squadra. Mi parlava del presidente con toni positivi, ma era una chiacchiera tra amici ed era finita lì. Dopo un po' di tempo ci siamo risentiti, mi ha riparlato di questa situazione questa volta volendo coinvolgermi nel progetto. A me inizialmente non interessava, anche perché ero sintonizzato su altre lunghezze d'onda".

C'erano altre squadre?
"La nazionale congolese, sembrava cosa fatta. Pensi, avevo persino fatto il vaccino per la febbre gialla e stavo per prendere l'aereo per chiudere la trattativa. Poi la situazione è sfumata".

Cosa l'ha portata a cambiare idea e soprattutto a scendere in un campionato che è al settimo livello della piramide calcistica italiana?
"Ho conosciuto di persona il presidente, Roberto Ibba. Mi è piaciuto e al tempo stesso mi era tornata la voglia di rientrare, a prescindere dalla categoria. Non ne ho mai fatto un problema e sono pronto a tuffarmi in un mondo a me sconosciuto. Così parlandone con mio figlio sono stato incoraggiato ad accettare, anche perché lui mi conosce bene, sa che in campo mi sento felice, realizzato".

Quali argomenti hanno toccato i tasti giusti?
"Nessuno, davvero. Nemmeno dal punto di vista economico. Certamente vuole fare una squadra per vincere il campionato, ma io non ho chiesto nulla, men che meno ho dato indicazioni sui giocatori non conoscendo il campionato".

Quanto è cambiata la sua routine quotidiana in campo?
"Ci alleniamo spesso. Pensi che in questo periodo stiamo facendo anche la doppia seduta. Arriviamo a 5 allenamenti a settimana, decisamente non pochi per la categoria. Chiaro che non è la stessa cosa che allenare i professionisti e a volte mi è capitato di non arrivare nemmeno a 11 giocatori allenabili, considerato che molti lavorano".

Quanti siete attualmente?
"A oggi col portiere in 14. Contiamo di arrivare a 18-20. Domenica abbiamo giocato un mini torneo di preparazione, è stata la prima volta in cui ho schierato 11 giocatori, questo perché alcuni ragazzi si erano liberati dagli impegni di lavoro".

Si immagina una scalata dalla Prima alla D?
"I progetti a grande scala per un allenatore sono relativi. Si presentano scenari che non puoi prevedere, per cui ora mi concentro agli allenamenti di questa settimana, all'anno che sta per iniziare col campionato che comincia il 25. Ad aprile si vedrà".

L'ultima esperienza in panchina risale al 2017/18 al Santarcangelo. Come sono stati questi anni lontano dal terreno di gioco?
"Li ho passati serenamente seguendo il calcio da fuori. Nell'ultimo anno ho risentito il piacere e la voglia e la passione di andare in campo".

Deluso dal mondo del calcio per questi anni lontano dai grandi palcoscenici?
"No, assolutamente. Se avessi voluto restare nel giro ci sarei rimasto. Il calcio fa il suo percorso ma una persona se lo vuole i suoi spazi li trova".

© Riproduzione riservata
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000