Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Cosa aspettarsi dal mercato della Fiorentina a un mese dall'apertura

Cosa aspettarsi dal mercato della Fiorentina a un mese dall'aperturaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
venerdì 2 dicembre 2022, 08:15Serie A
di Dimitri Conti

Oggi manca un mese esatto all'inizio del calciomercato invernale, da sempre occasione per le squadre di rinforzarsi in vista della seconda parte di stagione, concetto mai vero come quest'anno, con il Mondiale in Qatar a spezzare in due il cammino. La Fiorentina, naturalmente, non fa eccezione.

Si comincia dalle uscite
Quest'estate, in particolar modo con il ritorno in Europa, la società ha testato le difficoltà imposte dal rispetto delle liste e deve far uscire ancora esuberi. Tra questi molti a centrocampo, in cui tutti sperano di recuperare al più presto Castrovilli: dal fuori lista Benassi, mattatore in amichevole con l'Arezzo grazie a una tripletta, fino nazionale polacco Zurkowski, sul quale è sfida multipla (Bologna, Empoli, Salernitana, Samp e Spezia sono interessate), passando per Maleh, recentemente scomparso dai radar e penalizzato dal passaggio al 4-2-3-1, fino al giovane Bianco, alla ricerca di più minuti competitivi in prestito. Una volta chiarite le situazioni di Duncan e soprattutto Gollini, infelice per lo spazio scarso e in prestito dall'Atalanta, sarà possibile guardare anche alle entrate. Un eventuale addio con Venuti, invece, sarà solamente per giugno. Altre cessioni attese solo se profumatamente pagate.

In entrata attese occasioni
Detto dell'instabilità momentanea della situazione Gollini, che potrebbe indurre i viola a sostituirlo con l'arrivo di un nuovo vice-Terracciano, anche se ci sono Cerofolini e soprattutto il brillante 2006 Martinelli, per il resto la Fiorentina sembra inseguire la strada delle occasioni. Difficilmente ha queste fattezze Boga, che l'Atalanta ad oggi preferirebbe mandare in Premier magari dietro ricco conguaglio, al momento non le ha neanche Sabiri, valutato cifre piuttosto alte dalla Sampdoria. Su quest'ultimo, così come per il bolognese Dominguez, forse più prospettiva estiva (così come Parisi dell'Empoli, sul quale però la concorrenza non manca), potrebbe essere perseguita la strada delle contropartite. Guardare al paragrafo sopra. Ancor prima dei nomi, oggi, contano gli identikit: se tutte le papabili cessioni a centrocampo andassero a buon fine, lì un intervento diverrebbe necessario e non più di rifinitura. Potrebbe servire un tocco sulle fasce dell'attacco, troppo a lungo orfane degli infortunati Sottil e Gonzalez e "salvate" dal rivelarsi di Kouame, per dare un'arma in più a mister Italiano.