Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

FOCUS TMW - Napoli, De Laurentiis non ha lo Scudetto del bilancio. Ma forse quello reale

FOCUS TMW - Napoli, De Laurentiis non ha lo Scudetto del bilancio. Ma forse quello realeTUTTO mercato WEB
venerdì 3 marzo 2023, 18:36Serie A
di Andrea Losapio

Aurelio De Laurentiis ha portato il Napoli nuovamente in vetta dopo più di trent'anni. E lo ha fatto dopo un percorso durato quasi venti, cioè nel 2004, quando compra gli azzurri per 32 milioni di euro grazie a un prestito fatto da Unicredit e rimborsato poi dallo stesso Napoli. La cosa straordinaria dell'attuale campionato è però il fatto che il club non abbia nessun debito finanziario verso banche e obbligazionisti e che, rispetto agli altri club, ha un'elevata liquidità anche dopo due pessimi esercizi post Covid, con un -59 milioni nel 2021 e un -52 nel 2022.

Meno dodici milioni in 19 anni
Il Coronavirus ha certamente influito molto su quanto fatto dal Napoli nel corso degli anni, perché in due anni sono stati firmati 111 milioni nel segno meno: prima De Laurentiis era in attivo di 100 milioni e probabilmente ci tornerà al 30 giugno del 2023, visto come si è sviluppata la campagna acquisti, così come l'abbattimento del monte ingaggi che ha perso sì campioni come Insigne, Koulibaly o Mertens, ma la necessità era quella di ritornare a una dimensione, pur ottima, che non costringa a dovere andare in Champions per non rischiare rossi record.

In estate via Osimhen
Il Napoli probabilmente avrà un buon bilancio al 30 giugno del 2023 e per l'anno prossimo, con ogni probabilità, ci sarà un addio pesante come quello di Osimhen per 120-150 milioni. A quel punto risanare sarà semplice, così come eventualmente sostituirlo con uno fra Hojlund o Kolo Muani. Certo, probabilmente giocatori di livello inferiore, ma Osimhen non è un calciatore che il Napoli si può permettere di non vendere, considerate anche le offerte economiche (di stipendio) che le squadre di Premier potranno mettere sul piatto.

I dati
2004-05: -7 milioni
2005-06: -9 milioni
2006-07: 1,4 milioni
2007-08: 11,9 milioni
2008-09: 10,9 milioni
2009-10: 343 mila euro
2010-11: 4,2 milioni
2011-12: 14,7 milioni
2012-13: 8 milioni
2013-14: 20,2 milioni
2014-15: -13 milioni
2015-16: -3 milioni
2016-17: 66 milioni
2017-18: -6 milioni
2018-19: 29 milioni
2019-20: -19 milioni
2020-21: -59 milioni
2021-22: -52 milioni

Totale: -11,4 milioni

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile