Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 28 maggio

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 28 maggioTUTTO mercato WEB
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com
lunedì 29 maggio 2023, 01:00Serie A
di Alessandra Stefanelli
Il punto su tutte le news di calciomercato della giornata appena andata agli archivi. Tra indiscrezioni, trattative e retroscena ecco le notizie più importanti

LA REPUBBLICA - ROMA, GIALLO CON DOLO PER MOU: UNA SQUALIFICA PER ANTICIPARE L'ADDIO. NAPOLI, LE MOSSE DI ADL PER CONVINCERE LUIS ENRIQUE: TRATTENERE LA COPPIA KVARA-OSIMHEN. JUVENTUS, I DIRIGENTI CHIEDERANNO AD ALLEGRI DI FARSI DA PARTE: LUI NE DISCUTERÀ SOLO CON ELKANN. JUVENTUS, GIUNTOLI È UNO DEI MOTIVI DI FRIZIONE TRA ALLEGRI E IL CLUB: IL RETROSCENA. MILAN, MALDINI VUOLE ASENSIO DA DUE STAGIONI MA LA RICHIESTA D'INGAGGIO È TROPPO ALTA. DE LAURENTIIS CONFERMA L'ADDIO DI SPALLETTI: "VUOLE UN ANNO SABBATICO, LO LASCIO LIBERO".

Non una semplice ammonizione quella presa ieri da José Mourinho nel finale della partita poi persa contro la Fiorentina. Secondo La Repubblica, si tratta di un giallo "con dolo", perché il portoghese, che sapeva bene di essere in diffida, lo ha cercato ripetutamente per tutta la sfida. Per il quotidiano, l'intenzione del tecnico della Roma era proprio quella di saltare l'ultima sfida casalinga contro lo Spezia, un altro passo verso l'addio a fine stagione.
Contro i liguri dunque guiderà la squadra dalla tribuna, in quella che potrebbe essere la sua ultima sfida da allenatore romanista. La sensazione è ormai che l'addio si consumerà dopo la finale di Budapest, obiettivo unico ormai da diverse settimane anche vedendo i risultati maturati in campionato. Nelle ultime 7 partite, sono stati solo 4 i punti conquistati.

Caccia al nuovo allenatore in casa Napoli. Luciano Spalletti saluterà a fine stagione, da vincitore, ma Aurelio De Laurentiis è ambizioso e vuole fare ancora meglio nelle prossime stagioni. Per questo vorrebbe affidarsi ad un allenatore dal profilo internazionale, uno su tutti: Luis Enrique. Come scrive il Corriere della Sera quella legata all'ex CT della Spagna è la pista più calda.
Non l’unica perché De Laurentiis è abituato al piano B e pure a quello C ma in queste ore percorre dritta la strada che porta allo spagnolo, soprattutto avendo avuto riscontri positivi dai contatti avuti con il suo entourage e anche da una telefonata con lui. Il presidentissimo gioca tutte le sue carte. In primis la parola data ancor prima che il Napoli vincesse lo scudetto di non privarsi della coppia Kvara-Osimhen, poi il fattore Decreto Crescita che gli consentirebbe di risparmiare il 20% di tasse sul suo ingaggio.

Il futuro della Juventus verrà pianificato a partire dal prossimo 5 giugno, ovvero una volta che sarà finita la stagione e si potrà ragionare di ciò che verrà "a bocce ferme". Secondo La Repubblica, nell'incontro tra Allegri e i dirigenti juventini, verrà chiesto al tecnico la disponibilità a farsi da parte, perché questo è l'orientamento di una buona fetta dirigenziale. Il tecnico non ha intenzione di intraprendere questa strada, ha ribadito in conferenza di avere due anni di contratto, ma nel caso in cui dovesse essere John Elkann in persona a chiederglielo, allora in virtù del rapporto che li lega, potrebbe anche sedersi intorno a un tavolo per discuterne.
Detto che i soldi in ballo in questo senso sono comunque un'enormità: 43 milioni di euro per lo staff per i due anni residui.

Secondo quanto riporta La Repubblica, uno dei principali motivi di frizione tra Massimiliano Allegri e la Juventus sarebbe legato alla decisione di Calvo di puntare su Giuntoli come prossimo direttore sportivo. Il tecnico non si è opposto alla decisione, ma non ha gradito di non essere stato coinvolto nel processo decisionale: lo riteneva doveroso, soprattutto dopo che a novembre Elkann lo aveva indicato come punto di riferimento dell'area sportiva, due mesi prima che Calvo venisse scelto come chief football officer.

Marco Asensio è nei pensieri di Maldini e del Milan da almeno due stagioni, quando provarono a prenderlo in prestito dal Real Madrid ma senza successo. Ora il giocatore si svincolerà a fine stagione e dunque potrà accasarsi senza spesa per il cartellino. I rossoneri si sono informati sul suo conto e il grande ostacolo è la richiesta di ingaggio che supera i 6 milioni di euro a stagione. Poi c'è da mettere in conto anche la grande concorrenza: PSG e diversi club di Premier sono sulle sue tracce. Dopo tutto non capita tutti i giorni di poter trattare un campione a parametro zero. A riportarlo è il Corriere dello Sport.

Ospite d'eccezione oggi negli studi di 'Che Tempo Che Fa'. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha risposto alle domande di Fabio Fazio: "Nessuno dava il Napoli favorito per lo Scudetto tranne me? Sì, mi sono trovato in una conferenza stampa a inizio giugno, avevamo mandato via tanti giocatori che avevano finito il loro ciclo a Napoli anche se non tutti erano della stessa idea. Mi hanno chiesto cosa pensavo di fare e io dissi che pensavo di poter vincere lo Scudetto. Ci fu lo sgomento generale, anche da parte di Spalletti che non sapeva ancora chi avevamo acquistato. Gli allenatori si dividono in coloro che vogliono fare il mercato e in coloro che allenano. Spalletti è uno che allena, gli abbiamo dato una squadra straordinaria da allenare".
Ma Spalletti va via?
"Spalletti è un uomo libero. Quando uno dice che pensa di aver ottenuto il massimo e di voler prendere un anno sabbatico, è giusto lasciarlo libero. Mi ha detto di avere un contratto per un altro anno, ma di volersi fermare, potevo mai dirgli di no? Ci ha dato tanto e lo ringrazio".

UFFICIALE - JOVETIC LASCIA L'HERTHA BERLINO. L'EX FIORENTINA E INTER SALUTA A FINE CONTRATTO. UFFICIALE - TOLOSA, SI SVINCOLANO IL TALENTUOSO VAN DEN BOOMEN E ALTRI TRE GIOCATORI IN SCADENZA. UFFICIALE - BORUSSIA DORTMUND, CINQUE ADDII AL 30 GIUGNO. TRA QUESTI GUERREIRO E DAHOUD. DEMBELE SUL SUO FUTURO: "VEDREMO COSA SUCCEDERÀ, MA IO AMO IL BARCELLONA". MANCHESTER UNITED, SI LAVORA PER IL RINNOVO DI RASHFORD: DECISIVA LA VOLONTÀ DI TEN HAG

Nelle scorse ore l'Hertha Berlino, retrocesso mestamente in Zweite Bundesliga, ha ufficializzato alcuni addii in vista della prossima stagione. Oltre ai giocatori in prestito, saluta la capitale tedesca anche Stevan Jovetic. L'attaccante montenegrino, ex tra le altre di Fiorentina e Inter, lascia a costo zero alla naturale scadenza del contratto.

Nelle scorse ore il Tolosa, vincitore della Coppa di Francia, ha ufficializzato quattro addii a fine contratto (30 giugno 2023) sui suoi canali. Tra questi spicca senza dubbio Branco van den Boomen (nell'immagine dell'articolo), illuminante centrocampista di 27 anni.
Nella sua stagione a referto 6 gol e 13 assist, con lui hanno dato l'addio anche il portiere Maxime Dupe (30 anni) e i centrocampisti Brecht Dejaegere (31) e Stijn Spierings (27).

Il Borussia Dortmund, superata la delusione del campionato perso all'ultima partita, ha ufficializzato alcune uscite dalla propria rosa alla scadenza del contratto.
Lasceranno il club da svincolati il prossimo 30 giugno il difensore e centrocampista Raphael Guerreiro (29 anni, nell'immagine), il terzino Felix Passlack (24), il centrocampista Mahmoud Dahoud (27, vicino al Brighton), l'attaccante Anthony Modeste (35) e il portiere della seconda squadra, Luca Unbehaun (22).

"Mi sento sempre bene qui a Barcellona. Vedremo cosa succederà, ma questo è il club che amo". Ousmane Dembele, attaccante degli azulgrana, è intervenuto per parlare del proprio futuro: "Il mio più grande sogno è vincere una Champions League con il Barça", ha ribadito ai microfoni di Telefoot. Il francese ha ancora un anno di contratto con il club catalano, da capire se i primi contatti per il rinnovo porteranno alla fumata bianca.

Il Manchester United si muove in vista della prossima stagione. L'obiettivo è blindare Marcus Rashford: l'attaccante inglese andrà in scadenza nel 2024, dunque i Red Devils vogliono evitare di andare troppo oltre per trovare un nuovo accordo. Decisiva la volontà di Ten Hag, l'ex allenatore dell'Ajax è fiducioso sul rinnovo del 25enne. A riportarlo è il Manchester Evening News.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile