Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Lazio, dal Verona (il momento più basso) al Verona: in 60 mila oggi all’Olimpico.

 Lazio, dal Verona (il momento più basso) al Verona: in 60 mila oggi all’Olimpico.TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 21 maggio 2022, 08:30Serie A
di Riccardo Caponetti
fonte Dall’inviato a Roma

Aperta anche la Curva Sud, per la prima volte nelle ultime due stagioni. Insomma, l’Olimpico - vuoto per protesta un mese fa contro il Milan - si veste con l’abito migliore per il gran ballo di questa sera, quando la Lazio chiuderà la propria stagione contro il Verona. Più di 50 mila spettatori sugli spalti per la notte dei grandi addii: è record di presenze nell’annata biancoceleste. La gioia per aver raggiunto l’Europa League farà da contraltare alla malinconia del saluto ad alcuni giocatori simbolo degli ultimi anni: Milinkovic, se dovesse andare via, su tutti, poi Leiva, Strakosha e Luiz Felipe.

Sulla sua lavagna, Sarri disegna la formazione e chiude un cerchio: si gode l’obiettivo raggiunto contro il Verona, la cui gara d’andata coincise col momento peggiore della sua avventura a Formello. Una sconfitta senza storia al Bentegodi, 4-1, a pochi giorni dall’altra grande debacle, 3-0 a Bologna. Dopo il ko contro i gialloblù, la Lazio andò addirittura in ritiro e vinse la partita successiva con la Fiorentina (1-0, Pedro). Ma i giorni tra i due match furono difficili, complicati e pieni di punti interrogativi, come del resto tutta la stagione. Sarri in autunno non era ancora riuscito a entrare nella testa dei giocatori, restii al cambiamento tecnico-tattico estivo, poi piano piano ci è riuscito e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Così oggi, 209 giorni dopo, è tutta un’atra storia e un Olimpico quasi tutto esaurito si ritrova ad affrontare il Verona già con il pass per l’Europa League in tasca.