Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Le pagelle del Milan - Pioli, Leao centravanti è come chiedere a una moka di fare la birra

Le pagelle del Milan - Pioli, Leao centravanti è come chiedere a una moka di fare la birra
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 22 aprile 2024, 23:01Serie A
di Ivan Cardia
fonte In collaborazione con Paolo Lora Lamia

MILAN-INTER 1-2
(81' Tomori; 18' Acerbi, 49' Thuram)

Maignan 6 - Parte rischiando con la presa sul limite dell'area, chiude la prima frazione di gioco con una parata delle sue, che fa dire al Milan barcollo ma non mollo. Alza bandiera bianca sulla fucilata di Thuram: poteva fare di più.

Calabria 5 - Chiude con una mezza follia e col rosso del nervosismo, che è quello di uno dei pochi che ci teneva davvero, un derby che sperava di evitarsi nel suo andamento e soprattutto nel risultato finale.

Gabbia 5,5 - A due facce. Sul gol di Thuram il movimento è da rivedere, su quello di Tomori è sua l'incornata che è il preludio al 2-1 della speranza

Tomori 6 - Come il compagno qui sopra: Lautaro si annulla da solo, ma su Thuram vanno completamente nel pallone. Il gol è l'unica luce in una serata buia.

Theo Hernandez 4 - Va a prendersi Barella, anche sfoderando i tacchetti: un segnale di quel che succederà nel finale con le mani al collo reciproche tra lui e Dumfries.

Adli 5 - Preferito a Bennacer, parte col nervoso addosso. A conti fatti, però, il suo primo apporto rilevante alla partita è perdersi completamente Acerbi sul corner che sblocca il derby. Meglio tutto il resto, ma la leggerezza è di quelle che cambiano la partita. (Dal 68' Bennacer 6 - Meglio di chi sostituisce).

Reijnders 5 - In costante inferiorità numerica rispetto al centrocampo nerazzurro è anche difficile combinare qualcosa di buono. Quando ci prova, non va comunque. (Dal 53' Giroud 6 - Questa volta non si gira, ma almeno dà un po' di sostanza all'attacco rossonero).

Musah 6 - Una sorpresa, perché in quella posizione francamente se lo immaginava solo Pioli. Meglio delle attese. (Dal 77' Okafor 6,5 - Entra tardi, ma mica è colpa sua).

Loftus-Cheek 5,5 - Sdoppiarsi è complicato, e infatti non gli riesce. Alla fine della fiera, non aiuta troppo né il centrocampo né un Leao fin troppo solo lì davanti. (Dal 68' Chukwueze 6,5 - Come lo svizzero qui sopra: suona la sveglia, ma il Milan è già in ritardo).

Pulisic 5 - Serata da Chi l'ha visto? per l'americano, che sparisce dalla partita in qualsiasi posizione di campo si trovi.

Leao 6 - Come riferimento centrale è un pesce fuor d'acqua, è come chiedere alla moka di fare la birra. Infatti è costretto a cercarsi spazi altrove per essere pericoloso. L'errore, ça va sans dire, è di chi ce l'ha messo.

Stefano Pioli 4,5 - Chi di derby ferisce, di derby perisce. L'ultimo se lo gioca con Leao centravanti e Giroud in panchina, almeno dall'inizio. Anche la scelta di mettersi a specchio non paga: la verità è che, da sei stracittadine a questa parte, contro Inzaghi ci ha capito davvero poco. I cambi, inevitabilmente, migliorano la squadra e la serata. Quando, però, è ormai compromessa.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile