Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Le pagelle della Sampdoria - Non basta un super Audero, Yoshida distratto, Rincon lottatore

Le pagelle della Sampdoria - Non basta un super Audero, Yoshida distratto, Rincon lottatoreTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 22 maggio 2022, 19:59Serie A
di Andrea Piras

Risultato finale: Inter-Sampdoria 3-0

Audero 7,5 - Se la sua squadra va al riposo senza aver incassato reti è merito suo. Sicuro nelle prime conclusioni nerazzurri, salva la sua porta su Correa e su Lautaro con due interventi da grande portiere. Nella ripresa si ripete chiudendo la strada a Barella, ma poi nulla può sui gol nerazzurri.

Bereszynski 5,5 - E’ protagonista di un bel duello con Perisic sulla sua corsia di competenza. Quando viene pressato finisce per perdere il pallone e nella ripresa finisce per essere travolto.

Ferrari 5,5 - Dalle sue parti viaggiano giocatori che non hanno bisogno di presentazioni. Tiene bene con il fisico nel primo tempo ma nella ripresa viene sorpreso come tutta la squadra. Ha responsabilità sul 3-0 di Correa.

Yoshida 5 - Dopo nemmeno cinque minuti di orologio si aggrappa alla maglia di Correa guadagnandosi un cartellino giallo. Alterna buone chiusure specie sulle conclusioni a botta sicura a amnesie come nell’occasione di Correa. Nella ripresa crolla commettendo troppi errori. Dal 77’ Magnani s.v.

Augello 6 - Tiene la posizione visto che dalla sua parte agisce un certo Dumfries contro cui non demerita. Fa vedere vedere qualche buona trama in velocità sulla sinistra. Nel finale, a risultato acquisito, impegna Handanovic.

Vieira 5,5 - Si dà da fare in mezzo al campo nonostante di fronte abbia Brozovic che ha un passo decisamente diverso rispetto al suo. Dopo aver retto per un tempo, crolla nella ripresa. Dal 78’ Askildsen s.v.

Candreva 6 - Ex di turno a San Siro, si fa vedere spesso sulla fascia destra ma anche in fase di impostazione. Cerca anche la conclusione dalla distanza ma non è fortunato. Cala di intensità nella ripresa. Dal 62’ Damsgaard 6 - Ancora minuti preziosi per lui. Fa vedere qualche buona discesa verso l’area cercando anche la conclusione.

Rincon 6 - Fa tanta densità in mezzo al campo, smarcandosi anche per far ripartire l’azione. Qualche sbavatura quando viene attaccato alle spalle come nell’occasione di Lautaro a fine primo tempo. Resta uno dei pochi a salvarsi. Dall’84’ Yepes s.v.

Thorsby 6 - Sempre presente su ogni pallone sia che si giochi nella metà campo doriana sia in quella avversaria. Leggero nello scambio che porta alla rete del 2-0 da parte di Correa. Dal 62’ Trimboli 6 - Il futuro di questa Sampdoria. Entra con il piglio giusto l’ex capitano della Primavera. Serve un bel pallone a Caputo.

Sabiri 6 - Dopo tante partite da protagonista, questa volta una gara di sacrificio per l’ex Ascoli che deve guardarsi dagli attacchi di Dumfries non senza qualche sbavatura. Nella seconda frazione di gara, anche se a risultato acquisito per l’Inter, fa vedere ancora buone giocate con Augello.

Caputo 5,5 - Partita molto difficile per l’attaccante blucerchiato che non è al top della condizione. Deve divincolarsi dalla marcatura del trio Skriniar, De Vrij, Bastoni. Si abbassa molto cercando la sponda per i compagni sacrificando la sua presenza nell’ultimo metro ma quando le maglie della difesa avversaria si allargano ha due buone occasioni.

Marco Giampaolo 6 - La sua Sampdoria tiene bene l’urto nella prima frazione di gara affidandosi anche ad un super Audero. Nella ripresa la qualità e la forza dell’Inter la travolge fra il 50’ e il 58’ minuto trovando la rete con Perisic e due volte con Correa rendendo amara l’ultima partita stagionale.