Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Lecce, Ceesay si presenta: "Mi ispiro a Lewandowski. Gnonto? Per me è come un fratello"

Lecce, Ceesay si presenta: "Mi ispiro a Lewandowski. Gnonto? Per me è come un fratello"TUTTOmercatoWEB.com
martedì 28 giugno 2022, 14:01Serie A
di Raimondo De Magistris

Giornata di presentazione per Assan Ceesay, nuovo attaccante del Lecce arrivato a parametro zero dopo una stagione da protagonista in Svizzera, allo Zurigo. "Cerco sempre l’attacco della profondità, ma dipende dalla partita. Posso giocare con la squadra, fare blocco, agire di sponda e poi ovviamente fare gol che per un attaccante è la cosa più importante assieme al lavoro per i miei compagni. Voglio far esultare quanto più possibile i miei nuovi tifosi. Gioco con tutti i sistemi perché sono un calciatore sempre disponibile. In Svizzera ho giocato da esterno, da seconda o da prima punta. Mi interessa solo aiutare la squadra con grande umiltà facendomi trovare a disposizione di ciò che mi dice l’allenatore. A chi mi ispiro? Mi piace molto Lewandowski, non solo per le qualità ma anche per l’abilità nel trovare la posizione”.

Ceesay nella scorsa stagione ha giocato insieme a Gnonto, calciatore che allo Zurigo è legato da un altro anno di contratto: "E’ come un fratello per me. Eravamo insieme in spogliatoio come in camera in ritiro. E’ una brava persona e vuole sempre migliorarsi. Mi ha parlato bene di questo campionato in cui non vedo l’ora di cimentarmi. Anche con Dzemaili ho parlato tantissimo, allo Zurigo io, lui e Gnonto eravamo gli unici a parlare italiano. Mi ha aiutato tanto ed è anche lui è una brava persona", le sue parole riportate da 'Calciolecce.it'.