Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

LIVE TMW - Bologna, Thiago Motta: "Concentrati sul Lecce, non guardo la classifica"

LIVE TMW - Bologna, Thiago Motta: "Concentrati sul Lecce, non guardo la classifica"TUTTO mercato WEB
venerdì 1 dicembre 2023, 14:22Serie A
di Micol Malaguti
fonte a cura di Leonardo Bosello

13.45 - Tra pochi minuti dalla sala stampa del centro tecnico Niccolò Galli, Thiago Motta presenterà la prossima trasferta del Bologna, domenica alle 12.30 al Via del Mare contro il Lecce di Roberto D'Aversa. Segui qui su TUTTOmercatoWEB.com la diretta testuale delle dichiarazioni dell'allenatore italo-brasiliano dei rossoblù in vista del match che aspetta i suoi.

14.00 - Inizia la conferenza stampa di Thiago Motta.

Si sarebbe aspettato di essere così in alto in classifica? Siete sopra le vostre possibilità?
"Io pensavo a preparare la squadra e ora penso a preparare al meglio la partita contro il Lecce al 200%. Su tutto il resto ho poco il controllo per mettere la mia energia, sul perché si o perché no. Penso a questa partita".

Pesa essere la squadra sorpresa del campionato? Cambia qualcosa?
"Si certo, cambia grazie anche ai nostri tifosi che mettono entusiasmo nel modo giusto. Dobbiamo pensare al Lecce e affrontarlo al meglio delle nostre possibilità".

Ha visto qualcosa di diverso nella testa dei suoi giocatori sotto pressione?
"Lavorare sotto pressione cambia. C'è qualcuno che ha bisogno di un po' più di tempo, chi invece si esalta. La pressione può essere una delle tante cose belle che ci stanno accadendo, perché siamo dove volevamo essere, dobbiamo prepararci bene ed essere pronti. Dobbiamo concentrarci sul campo".

Ndoye e Saelemaekers stanno meglio? Sono in crescita?
"Li ho visti bene come tutti gli altri, sono i due esterni che avremo a disposizione perché Orsolini e Karlsson sono infortunati. Li vedo bene come il resto del gruppo".

I tifosi vorrebbero che lei restasse qui a lungo.
"I tifosi quando mi fermano mi parlano della prossima partita. Vogliono continuare con questo entusiasmo, sanno che la prossima è importante, è lì che possiamo mettere in pratica il nostro lavoro. I tifosi vogliono vivere questo momento, la prossima partita è la più importante. Questo quello che sento io quando vado fuori, quando incontro la gente".

La capacità di concentrarvi sulla partita dopo è forse anche una conquista di questo gruppo, cos'è migliorato di più?
"Non è un miglioramento, è un modo di affrontare la situazione. So vivere il presente, programmare si, quale può essere il futuro, ma senza fare bene oggi il resto diventa molto opinabile. Ci sono altri modi di fare e di fare bene. Noi giochiamo per il risultato e ci sono tanti modi, non esiste uno giusto e uno sbagliato. Tutto se si sta nelle regole è giusto. Si lavora e i ragazzi hanno dato una grande predisposizione a questo metodo, abbiamo dei giocatori che aderiscono perfettamente a questo modo di interpretare il gioco, ma è lavoro, arrivano qua al mattino, recuperano bene e poi ricominciano".

Aebischer e Freuler sono un punto di partenza? Quei due davanti alla difesa
"Ci sono tante cose, dipende dal momento, dall'avversario, tante cose che fanno sì che scegliamo un giocatore o un altro. Vediamo per Lecce come sarà la nostra composizione".

La sua esultanza al gol di Fabbian ci fa capire l'unità del gruppo?
"Abbiamo provato emozioni, era una partita sbloccata e con un gol fantastico siamo andati in vantaggio. Il frutto del lavoro di questi ragazzi che si impegnano e anche di tutte le altre persone del club. Sono convinto che Giovanni Fabbian abbia segnato grazie al lavoro di tutti nel club".

Guarda la classifica e cosa pensa?
"Non guardo la classifica".

Sono stati importanti anche i primi 55' contro il Torino in cui avete fatto fatica ma non avete subito gol?
"Sicuramente, il Torino è una squadra difficile da affrontare e siamo stati bravi a far sì che loro non andassero in vantaggio. Poi siamo stati bravi a sbloccarla e a portare la partita dalla nostra parte".

Che Lecce affronterete?
"È una squadra difficile da affrontare come tutte le squadre di Serie A. Vanno veloci, hanno esterni rapidi, di qualità e dobbiamo fare quello che sappiamo fare, essere vigili e attenti alla loro forza. Sanno quello che devono fare. È una squadra molto preparata dal loro allenatore che sa cosa vuole, un tecnico di esperienza. Noi dovremo cercare di portare la partita dalla nostra parte".

Il lavoro atletico si vede come dati, grazie anche al suo preparatore Simon Colinet.
"Si, non solo lui, che ha lavorato e lavora a grandi livelli. Ma anche grazie ai medici e ai fisioterapisti, che fanno il loro lavoro e che stanno dietro a tutti i giocatori che magari non sono al top. Tanti qui dentro aiutano a mettere i ragazzi in condizione per arrivare al meglio. Poi c'è la disponibilità dei ragazzi nel dare priorità e ascoltare. Così di giorno in giorno, di settimana in settimana".

Saputo sarà contento, le ha proposto di andare avanti insieme?
"Se ci saranno novità le saprete. Del presente non abbiamo parlato. Il presidente è il presidente, noi facciamo il nostro lavoro".

Il calcio è patriarcale? Cosa pensa anche del tema sulle giornaliste donne che faticano a emergere in questo mondo?
"Non deve essere così. No alla violenza di nessun genere. Ho tre figlie, una moglie, una madre, delle amiche e degli amici.. Vogliamo vivere in una società civilizzata che si possa far rispettare sia nella vita che nel lavoro".

14.22 - Fine conferenza.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile