Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
live

Milan, Pioli: "Siamo vicini a Kjaer. Mercato? Ci sarà bisogno di intervenire"

LIVE TMW - Milan, Pioli: "Siamo vicini a Kjaer. Mercato? Ci sarà bisogno di intervenire"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 3 dicembre 2021, 14:22Serie A
di Antonello Gioia

Dopo la netta vittoria sul Genoa, il Milan è il primo a scendere in campo nella 16esima giornata di Serie A nella sfida, prevista per domani alle 15, contro la Salernitana a San Siro. Stefano Pioli presenterà il match a partire dalle ore 14:00 in conferenza stampa: segui in diretta le dichiarazioni del tecnico rossonero con il live testuale su TMW.

----

14:00 | Comincia ora la conferenza stampa di Stefano Pioli.

Ci sono pro e contro di giocare in giorni così ravvicinati?
"Abbiamo fatto l'abitudine a questi incontri ravvicinati, abbiamo le nostre tempistiche. I tempi sono sempre corti, ma abbiamostudiato bene i nostri avversari, di recuperare energie e di preparare bene questa partita".

Come ha vissuto l'infortunio di Kjaer?
"L'abbiamo vissuto con grande sconforto, conosciamo le qualità del giocatore e lo spessore della persona. La sua presenza in squadra è molto importante per carisma, personalità e il saper dire le cose al momento giusto. Siamo molto vicini a Simon, siamo preoccupati per lui, ma anche consapevoli che tutto andrà bene e che superare queste difficoltà perché è una persona forte".

Come proseguono i percorsi di crescita di Leao e Pellegri?
"Per Leao è il percorso giusto, ha voglia di fare; deve insistere ad avere maggiore presenza e cattiveria in aria, giocando con forza e convinzione con le sue qualità. Pellegri sta bene: è a disposizione così come Ibra, vedremo che scelte fare".

Che partita sarà domani?
"La partita di domani è importante per dare continuità. Abbiamo un'altra occasione per. dimostrare che siamo una squadra forte. L'avversario è difficile, molto fastidioso nella fase di non possesso, ti vengono a prendere con aggressività e convinzione. Sarà una partita che vogliamo fare bene".

Cosa si aspetta dal mercato dopo l'infortunio di Kjaer?
"Se verrà confermato il suo infortunio lungo, è chiaro che credo che ci sarà bisogno di un intervento, ma lo faremo solamente per cercare di migliorare la squadra: vale il discorso cambiare per migliorare. La società, nel caso, si farà trovare pronta".

Cosa significa non fare il compitino?
"Ci sono squadre diverse: noi dobbiamo andare sempre a mille all'ora. È il nostro modo di giocare e ci piace; richiede tante energie e tanta intensità mentale, che ci faccia andare oltre i nostri limiti e le difficoltà delle partite. Noi per giocare bene dobbiamo andare forte, gestendo la palla con velocità; quando non ci riusciamo, ci affidiamo alle giocate individuali e non sempre le domeniche sono le migliori possibili. È il collettivo che deve sostenere il singolo giocatore".

È importante avere più scelta in più reparti?
"Sono tutti titolari. Le scelte le faccio io, ma poi le fanno i giocatori con le prestazioni. Le gerarchie sono momentanee e sono dovute alle prestazioni e alla condizione".

Che ricordo ha della sua esperienza a Salerno?
"Di Salerno ho un bellissimo ricordo, una città calorosa e appassionata. È un bell'ambiente, ma domani saranno rivali e cercheremo di batterli".

Dove si dovrebbe intervenire sul calendario?
"Si gioca troppo, è evidente. La salute dei calciatori è fortemente a rischio e vale per tutti. Quando si parla di turn over non è turn over - che per me non esiste, per me sono tutti titolari - diventa inevitabile: bisogna per forza far rifiatare i giocatori dal punto di vista fisico e mentale. È difficile capire come sistemare il calendario".

Il mese di dicembre è quello più delicato da quando è al Milan?
"Ho passato, soprattutto all'inizio, dei mesi più difficili. Poi se alleni al Milan tutti i mesi sono difficili, ma è giusto perché noi abbiamo alzato il livello ed è quello che volevamo. Ma poi: chi l'avrebbe detto che potevamo perdere con Fiorentina e Sassuolo, con tutto il rispetto per loro. Tutte le partite sono difficili".

È possibile toccare le stesse corde toccate alla fine della scorsa stagione dopo i due ko contro Sassuolo e Lazio?
"Utilissimo. Avremo tante possibilità di vincere la partita se faremo un'ottima fase difensiva".

Come valuta Kalulu?
"Ha personalità, deve migliorare tanto perché è giovane. Il suo bagaglio non è ancora così pieno di nozioni: deve capire.alcune situazioni sul campo. Il fatto che possa giocare bene in due ruolo ci aiuta tanto".

Che differenza c'è tra Saelemaekers e Messias?
"Hanno caratteristiche diverse. Tutti e due possono giocare bene tra le linee, ma l'importante è continuare a lavorare con questa disponibilità; oltre ai due attaccanti puri, gli altri devono essere".

Nella gestione di Diaz, è meglio che giochi per essere al meglio o che sia preservato?
"Quando un giocatore sta bene è meglio che giochi. Deve trovare più precisione e qualità. Lui ha le qualità per fare il passaggio filtrante, deve essere molto pericoloso. È lì che possiamo permetterci di sbagliare ed è in quelle giocate che dobbiamo forzare: se facciamo la cosa giusta risolviamo le partite".

Punto sugli infortunati.
"Abbiamo recuperato Bennacer, oggi si è allenato con la squadra. Quello che sta più avanti è Castillejo, mentre Calabria, Rebic e Giroud stanno meglio".

Diaz è un po’ come Seedorf, cioè: se sta bene lui gioca meglio il Milan?
"È una posizione di campo in cui se fai la cosa giusta diventi pericoloso. Più dai il possesso in quella posizione, più la squadra ne beneficia".

Chi ha allenato Messias dice che possa essere un'ottima punta centrale...
"Credo che lui e Diaz sarebbero una bella coppia d'attacco: non si darebbero punti di riferimento agli avversari e sanno attaccare la profondità. Potrebbe essere una soluzione".

Dove sarà la chiave del match contro la Salernitana?
"La chiave è gestire bene il possesso con velocità per trovare le soluzioni per superare una difesa così compatta".

Cosa dirà ai giocatori per evitare che pensino al Liverpool?
"Non c'è bisogno del mio intervento, li conosco. Non veniamo da 13 vittorie consecutive, ma da qualche difficoltà in campionato. Dobbiamo star lì, approcciare bene la partita. Incontreremo delle difficoltà che dovremo superare con la qualità del gioco. Io la motivo sempre la squadra, a volte davanti alla cinepresa, altre volte negli spogliatoi".

14:23 | Termina qui la conferenza stampa di Stefano Pioli.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2022 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000