Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Pogba più due incedibili. Juventus, ora è tempo di lavorare alle uscite per il centrocampo

Pogba più due incedibili. Juventus, ora è tempo di lavorare alle uscite per il centrocampoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 27 giugno 2022, 18:53Serie A
di Simone Bernabei

Sistemati i primi e probabilmente più importanti colpi in vista della nuova stagione, con Pgba e Di Maria oramai in arrivo a Torino, la Juventus ha ora la necessità di dare una sforbiciata alla rosa e sistemare quei giocatori che non rientrano più nel progetto che ha in mente Massimiliano Allegri. Ed il reparto su cui si concentreranno le maggiori attenzioni è quello di centrocampo. A conti fatti, oltre a Pogba, Locatelli e Zakaria sono gli unici certi della permanenza. Poi tante incertezze.

Chi da tempo è in uscita è il brasiliano Arthur, con l’Arsenal che resta vigile pur senza particolare voglia di affondare alle condizioni bianconere. Il brasiliano però è diventato anche un’idea per la Roma e chissà che con la trattativa Zaniolo sempre più chiacchierata non possa esserci un discorso coi giallorossi in questo senso. Weston McKennie è un altro che potrebbe essere in partenza, con la Juventus che non farebbe barricate di fronte ad offerte concrete e di una certa entità. Il Tottenham e altre di Premier potrebbero muoversi. Il grande punto interrogativo è Adrien Rabiot: a livello di minutaggio è stato uno dei più impiegati e Allegri ha fiducia in lui, ma visto l’alto stipendio, la scadenza nel 2023 e la scarsa voglia di rinnovare anche in questo caso saranno ascoltate offerte. Quindi Aaron Ramsey: i dirigenti lavorano alla risoluzione con buonuscita, ma il gallese continua a trincerarsi dietro il suo stipendio da 7 milioni netti a stagione. Cifra che di fatto rende difficile l’avvicinamento di altri club interessati.