Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Rabiot convince anche con la Francia. Il dialogo per il rinnovo con la Juve difficilmente si aprirà

Rabiot convince anche con la Francia. Il dialogo per il rinnovo con la Juve difficilmente si apriràTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 27 novembre 2022, 08:30Serie A
di Simone Dinoi

La Francia è la prima nazionale qualificata agli ottavi di finale del Mondiale in Qatar e lo fa anche da prima nel girone D. Obiettivo raggiunto per la squadra di Didier Deschamps che può dunque già pensare alla fase a eliminazione diretta dopo, fra un infortunio e l’altro, un avvicinamento complicato. Nella vittoria contro la Danimarca protagonista anche il bianconero Adrien Rabiot: solida prestazione in mezzo al campo con avanzate molto pericolose nell’area avversaria, ma anche una dormita in occasione del pareggio danese. Rabiot che è anche tra i giocatori più discussi in ambito juventino per via di un rendimento in netta crescita legato a un contratto in scadenza al prossimo giugno.

Rabiot super anche con la Francia.
Il centrocampista ex PSG ha aperto con la Francia esattamente come aveva chiuso con la Juventus. Performando ad altissimi livelli e trovando sia il gol (di testa, fondamentale per il pari transalpino) sia l’assist alzandosi in pressione sulla retroguardia australiana, rubando il possesso e regalando un cioccolatino a Giroud. Buona prestazione anche contro la Danimarca, ma con un neo che ne abbassa la votazione: il gol del momentaneo pari dei danesi porta con sé una sua sbavatura in marcatura su Christensen. Detto questo, il solito Rabiot direbbe qualcuno (sono 16 le presenze in bianconero nella prima parte di stagione, condite da 5 reti e 2 assist), sicuramente lo stesso che la Juventus ha lasciato nelle ultime settimane ma completamente differente rispetto a quello che la società bianconero s’è “goduto” nei suoi tre anni precedenti a Torino.

Rinnovo con la Juve? Difficilmente il dialogo si aprirà.
Un rendimento mai visto prima d’ora quello del francese che, a pochi mesi dalla scadenza del contratto con la Juventus, appare totalmente rivitalizzato. Rabiot sta dimostrando ora tutto quello che ci si attendeva da lui negli anni precedenti, un’esplosione che però, con ogni probabilità, non porterà a un ulteriore legame fra il classe 1995 e Madama. Un confronto ci sarà, e probabilmente dei primi contatti già ci sono stati. Ma Rabiot, assistito da mamma Veronique, ha da tempo intenzione di sondare (di nuovo) la free agency cercando di “strappare” (di nuovo bis) un altro grande contratto dopo quello in bianconero. Accordo che la Vecchia Signora non può, e non vuole, proporgli, neanche alle cifre attuale (più di 7 milioni a stagione). A Torino è in atto un taglio degli ingaggi e Rabiot non pare avere intenzione di parteciparvi.