Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw radio

Di Chiara: "Pogba? Sono contrario ai cavalli di ritorno, ma la Juve ne ha bisogno"

TMW RADIO - Di Chiara: "Pogba? Sono contrario ai cavalli di ritorno, ma la Juve ne ha bisogno"
venerdì 24 giugno 2022, 22:08Serie A
di Tommaso Bonan

Intervenuto a TMW Radio, durante la trasmissione "A Tutto Mercato", l'ex giocatore Alberto Di Chiara ha commentato alcune delle principali trattive di mercato:

Che idea ti sei fatto del mercato italiano finora?
“C’era da aspettarsi che non ci sarebbero stati affari a grandi prezzi. Il mercato italiano degli ultimi anni non è stato di certo faraonico. Per il momento gli affari dell’Inter sono quelli più concreti, ossia il ritorno di Lukaku o il probabile arrivo di Dybala. La Fiorentina invece ha sciolto il nodo allenatore e ora attorno alla viola si sentono nomi di valore come Jovic e Dodo per esempio”.

Jovic lo vedresti bene nel tridente di Italiano?
“È un giocatore che deve rilanciarsi e la Fiorentina ovviamente punta proprio su quello. Gli ultimi anni del giocatore sono stati deludenti, ma se la Fiorentina ha deciso di puntare su di lui è perché lo ritiene un profilo che possa tornare utile alla causa”.

Che prospettive ha il Lecce in Serie A?
“In questo momento il campionato italiano non è di livello così alto. Non ci sono grandi individualismi e proprio per questo ritengo che il Lecce possa dire la sua. Basti guardare i risultati di squadre come Verona ed Empoli. È ancora presto per parlare di mercato”.

Che ne pensi del calendario asimmetrico?
“Il calendario ormai non lo guardo neanche più. Le grandi forse nelle prime giornate non saranno così preparate. I giocatori delle big non credo saranno inclini a sforzarsi troppo. Bisognerà capire come i preparatori atletici riusciranno ad allenare in maniera adeguata i giocatori, soprattutto per quelle squadre che dovranno iniziare presto per le coppe europee. Non riesco a prevedere ciò che accadrà al rientro dai giocatori dal Qatar, lo scopriremo solo vivendo”.

Pogba in Italia può ancora fare la differenza?
“La Juve sta cercando di portarsi in avanti nella costruzione della rosa. Di solito sono contrario ai cavalli di ritorno, ma la Juventus ha l’esigenza migliorare quel reparto”.