Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Ungheria, Rossi: "Valuterei se arrivasse una chiamata dalla A. Non siamo solo Szoboszlai"

Ungheria, Rossi: "Valuterei se arrivasse una chiamata dalla A. Non siamo solo Szoboszlai"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 24 settembre 2022, 17:56Serie A
di Niccolò Pasta

Ospite di Radio Punto Nuovo nel giorno dopo la vittoria contro la Germania che ha avvicinato l'Ungheria alla final four di Nations League, il CT dei magiari Marco Rossi ha parlato a pochi giorni dalla partita contro l'Italia: "C'è tantissima soddisfazione per il risultato ottenuto contro la Germania. C'è una grande differenza di valori con le grandi nazionali, ma stiamo riuscendo ad essere continui. Speriamo che questo trend prosegua fino a lunedì sera. Contro l'Italia sarà una partita diversa dalle altre. Sono italiano e fiero di esserlo, ma in Ungheria ho trovato una seconda patria. Ci saranno tantissime emozioni, poi la speranza è quella di giocare una grande partita contro gli azzurri".

Sull'Ungheria.
"L'Ungheria non è solo Szoboszlai, siamo una squadra unita e organizzata. Poi abbiamo le nostre individualità importanti, ma la forza è data dal collettivo. Sono un allenatore abbastanza pragmatico, la nuova generazione di fenomeni di allenatori che viene sempre proposta non credo differisca tanto dalla nostra categoria. Tutti vogliono giocare come Guardiola, ma non è sempre semplice farlo".

Su Mancini.
"Gli allenatori bravi sono quelli che esaltano il materiale umano che hanno a disposizione. Mancini è tra i migliori al mondo in questo. Italia. Non ho sentito Roberto recentemente, ma lui è capace di trovare tutte le risorse che il campionato italiano può offrire. Ora sta affrontando un rinnovamento. Ho visto il primo tempo della gara contro l'Inghilterra, l'Italia ieri ha fatto una grandissima partita. Rimane sempre una delle squadre più forti al mondo".

Su Raspadori
"Come limitarlo? Dipenderà da come giocherà l'Italia. Dipenderà da dove Roberto lo schiererà. Mi piace moltissimo come giocatore, ha tutto. È un giocatore completo che a Napoli e con il Napoli farà vedere tutto il suo valore".

Su un possibile arrivo in Serie A.
"Non mi cercherebbe e non mi cercherà nessuno (ride, ndr). Allenare una Nazionale non è come allenare un club. Se dovesse arrivare un'offerta importante, la valuterei serenamente. Sono contento però dove sono, qui mi sento amato e sono in una situazione di comfort".

Primo piano
TMW Radio Sport