Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Vaciago: "Polemiche sul Mondiale per Club? Piaccia o non piaccia, il calcio è globale"

Vaciago: "Polemiche sul Mondiale per Club? Piaccia o non piaccia, il calcio è globale"TUTTO mercato WEB
martedì 11 giugno 2024, 10:08Serie A
di Paolo Lora Lamia

Le recenti polemiche per il Mondiale per Club portano ad una riflessione da parte del giornalista Guido Vaciago, che dice la sua dalle colonne di Tuttosport: "Non è che si giocano troppe partite, il problema è che si giocano troppe partite inutili. Perché se non è ancora certo il fatto che ci si possa stancare delle grandi sfide se ripetute più volte all’anno, una certezza ce l’abbiamo già dai dati d’ascolto: le piccole sfide (definiamole così) hanno già stancato da un pezzo e non trattengono davanti alla tv neppure i tifosi delle squadre coinvolte. Nella grande battaglia fra il calcio globale e quello locale, a decidere sarà il mercato, l’arbitro che fischia in base ai numeri. Questo decreterà la fine del calcio romantico? Non è detto. Ma sostenere che un modello sia preferibile a un altro sulla base di presunti principi etico-sportivi o morali è forse più presuntuoso che ingenuo".

Focus proprio sul Mondiale per Club: "E' una manifestazione che verrà inaugurata alla fine della prossima stagione e allungherà la stagione stessa in modo anormale, tant’è che sta ricevendo molte critiche. Detto che molte di queste sono chiare strumentalizzazioni politiche, anche quelle più intellettualmente oneste si schiantano contro il fatto che nessuno ha intenzione di rinunciare a quella competizione. Vuoi per i soldi, vuoi per la visibilità (quindi per soldi in modo indiretto), vuoi per la storia e il prestigio, perché affascina assai l’idea di una competizione che assegna un vero titolo mondiale per club (e non quello che finora si è assegnato sulla base di un paio di partite di livello tecnico non sempre eccelso). E quindi il Mondiale si farà. Non perché l’ha deciso Infantino o la Fifa, ma perché ai club, cioè alle società che tengono in piedi lo spettacolo del calcio mondiale pagando gli attori, è sembrata una buona idea".

Chiusura sul futuro del calcio: "Ci sono due fattori che vanno considerati: da una parte il forte radicamento al territorio e alle tradizioni che irrobustiscono i campionati nazionali di calcio; dall’altra il fatto che quasi tutti gli sport, nel corso dell’ultimo trentennio, hanno quasi azzerato il valore dei titoli nazionali in virtù di una globalizzazione dello sport. L’ipotesi più probabile è che i prodotti globali del calcio (la Champions o Superlega da una parte, il Mondiale per club dall’altra) si mangino sempre più risorse, perché più appetiti dai media, visto il numero enorme di audience potenziale, ma che quindi le leghe locali ne escano ridimensionate economicamente, pur rimanendo rilevanti per la base del loro tifo. La partita, in ogni caso, la arbitrerà il mercato, non le chiacchiere e men che meno gli slogan".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile