Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Vlahovic-Commisso, la rottura dopo il no del serbo e del suo agente alla super offerta: tutte le cifre

Vlahovic-Commisso, la rottura dopo il no del serbo e del suo agente alla super offerta: tutte le cifreTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
martedì 5 ottobre 2021, 13:00Serie A
di Pietro Lazzerini

Quando Rocco Commisso dichiara che il contratto offerto a Dusan Vlahovic sarebbe stato il più caro della storia della Fiorentina dice una grande verità. Il bello è che dopo quelle dichiarazioni, è arrivato un ulteriore rilancio che ha aumentato quei famosi 40 milioni lordi di cui ha parlato recentemente il patron viola alla stampa.

Contratto a salire
L'ultima offerta viola era di 4 milioni di euro per il primo anno che sarebbero saliti a 5 dal secondo anno in poi fino al 2025. L'asticella del procuratore però è salita ancora più in alto chiedendo 5 milioni il primo anno e 6 dal secondo in poi. Cifre da capogiro per un club come quello viola. Tra l'altro, una delle pochi dettagli d'intesa tra le parti riguardava un tema che in precedenza sembrava essere stato molto divisivo, ovvero la clausola: 75 milioni di euro e tutti d'accordo.

Le commissioni
Uno degli ostacoli più grandi è sempre stato quello che riguarda le commissioni da concedere all'entourage. Commisso già in passato aveva mostrato una certa avversione per il modus operandi degli agenti, confermata in questa trattativa. Alla fine il tycoon italoamericano si era spinto ad offrire 3 milioni di euro all'agente, offerta molto distante dall'esosa richiesta di Darko Ristic: 5 milioni di euro alla firma più il 10% della futura rivendita, che facendo il conto con la clausola avrebbe significato altri 7,5 milioni netti da incassare probabilmente la prossima estate. Da qui la rottura che appare definitiva con la Fiorentina, queste contro richieste sono apparse subito fuori mercato da parte dei dirigenti e della proprietà e ora c'è solo da capire quale strada le due parti decideranno di intraprendere.

Primo piano
TMW Radio Sport