Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Cremonese, Stroppa vola in finale playoff: "Ci sarà un'altra montagna da scalare"

Cremonese, Stroppa vola in finale playoff: "Ci sarà un'altra montagna da scalare"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 25 maggio 2024, 23:00Serie B
di Matteo Trevisi

a Cremonese supera per 4-1 il Catanzaro e vola in finale. La squadra di Stroppa si giocherà l'accesso in Serie A contro il Venezia che nel doppio confronto ha superato il Palermo. I grigiorossi dominano dall'inizio alla fine e calano il poker grazie alle reti di Vazquez, Buonaiuto, Coda e Sernicola.

Al termine del match, Giovanni Stroppa, tecnico della Cremonese, ha parlato ai microfoni di SKY. Queste le sue parole.

Era possibile fare una prestazione migliore di quella fatta oggi?
"Il modo in cui è stata preparata e gli occhi dei giocatori mi facevano ben sperare. E' stata una prestazione importante, mi dispiace che non è l'ultima ma c'è un'altra montagna da scalare. Il Catanzaro ha dimostrato di che pasta è fatto, questo avvalora la prestazione dei ragazzi".

Che finale dobbiamo aspettarci?
"Se guardiamo i numeri è la finale più giusta. E' chiaro che le partite poi vadano giocate. Andare a Catanzaro e uscire indenni non era facile, non era scontato nemmeno giocare così bene oggi. Il Venezia, insieme al Parma, è la squadra che ha il motore più importante, sono squadre allenate benissimo e con individualità importanti. Loro sono temibili in tutte le fasi".

Come sei riuscito a cambiare questa Cremonese?
"La disponibilità e la qualità dei ragazzi hanno influito. Eravamo dodicesimi, c'era spazio per mettere i ragazzi nelle condizioni di fare bene. E' un peccato non aver premuto sull'acceleratore nei momenti importanti quando avevamo in mano la promozione diretta. Il fatto di essere partiti molto indietro ha mandato in tilt la squadra che però non si è mai scoraggiata. Abbiamo dei numeri straordinari, peccato per quelli della fase offensiva dove siamo ultimi per realizzazione".

Le viene più facile giocare per vincere?
"Mi dovrebbero dare una squadra di Serie A per vincere lo scudetto (ride ndr). A me piace dominare il campo in entrambe le fasi, ci sono degli avversari ma si prova sempre a fare meglio degli altri. Le prestazioni sono sempre state straordinarie".

Sulla qualità del gioco
"Noi più brutti siamo come mentalità più diventiamo belli in campo".

Sei sereno?
"Lo devo sembrare. Dentro ho il fuoco ma bisogna mostrare serenità"

La ha formato lavorare nel settore giovanile?
"Non mi aspettavo di allenare i grandi. Allenare i giovani è una missione, io ho avuto dei grandi maestri che insegnavano il gioco del calcio. Se non si fa rendere al meglio i giocatori diventa più difficile fare un certo tipo di gioco".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile