Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Nainggolan: "Al Cagliari tornerei a piedi, ma c’è stata mancanza di rispetto nei miei confronti"

Nainggolan: "Al Cagliari tornerei a piedi, ma c’è stata mancanza di rispetto nei miei confronti"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
giovedì 26 maggio 2022, 22:49Serie B
di Claudia Marrone

Sulle frequenze di radiolina.it, come riferisce calciocasteddu.it, è intervenuto l'ex Cagliari Radja Nainggolan, che è tornato a parlare della formazione rossoblù, retrocessa in Serie B: " Ho percepito tante difficoltà alla fine, sentivo Joao e gli dicevo di non mollare, ma qualcosa non andava. Pavoletti, quando non giocava si arrabbiava, ma anche da fuori era importante. Io però non so esattamente quello che è accaduto all’interno dello spogliatoio. Le spiegazioni possono essere tante. Io al Cagliari? Tornerei a piedi, ma c’è stata tanta mancanza di rispetto nei miei confronti. Ho rinunciato a tanti soldi, eppure è passato il messaggio che ne volevo di più. La categoria? Ho 33 anni, la Serie B non sarebbe un problema, ma il rispetto dov’è? Se sento ancora qualcuno della dirigenza? Il direttore (Capozucca, ndr), ma Giulini non l’ho mai più risentito".

Una nota poi al presente: "Il mio calcio in Belgio? Mi sto divertendo, quest’anno abbiamo fatto un campionato normale, ci siamo qualificati alla Conference League, va bene così. E poi sono nella mia patria, dalla quale mancavo dall’età di 16 anni. Cosa mi manca dell’Italia? Tutto, lo stile di vita, le mie giornate, il cibo. Ma qui in Belgio c’è anche meno stress. Cosa farò l’anno prossimo? Il mio cuore dice una cosa, ma la realtà è un’altra. Sto bene qui in Belgio, e ho un contratto da rispettare”.