Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

…con Antonio Calabro

…con Antonio CalabroTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 12 giugno 2024, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

Avellino, Benevento o Vicenza? Nessuna delle tre. E alla fine l’ha spuntata la Carrarese, che grazie alla regia di Antonio Calabro ha conquistato la Serie B. “Non siamo stati una sorpresa. Ad inizio anno la società aveva dichiarato di aver allestito una squadra per puntare ai primi tre posti”, dice Calabro a TuttoMercatoWeb.com.

L’anno scorso a sorpresa era stato promosso il Lecco.
“No, non siamo come il Lecco l’anno scorso. Questa è una squadra che è stata costruita fin dall’inizio per cercare di primeggiare. Se andiamo a guardare il girone di ritorno in tutti e tre i gironi la Carrarese insieme al Vicenza ha avuto la media punti più alta”.

L’anno prossimo si riparte da lei?
“Ho un accordo con la società anche in caso di Serie B. Immagino un campionato tosto. La B ha parametri tosti, differenti rispetto alla C. Sarà un torneo difficilissimo”

State già pensando al mercato?
“Ieri ci siamo goduti la festa. Poi ci penseremo”.

Sulla carta partirete come una squadra pcoo considerata…
“E a noi questo ruolo sta bene. Come nessuno ci considerava anche ai playoff. Il calcio cambia in continuazione, rispetto a cinque-sei anni fa sono un allenatore più maturo. Quell’anno la B non l’ho conquistata sul campo. Conquistarla sul campo ha un altro sapore”.

Che allenatore è Antonio Calabro?
“Sono sempre critico nei miei confronti. E questo mi consente di crescere e migliorare. Quest’anno ho adottato un 3-4-2-1 che per me era il sistema migliore per questa squadra. Mi riconosco, comunque, di voler trovare sempre il vestito adatto alla squadra”.

Il suo modello?
“Antonio Conte. Così come Gasperini. Ma anche Baroni ha fatto molto bene, quest’anno si è ripetuto a Verona ed è diventato un allenatore importante”.

I messaggi più belli che ha ricevuto?
“Due, da Saverio Sticchi Damiani e Pantaleo Corvino. Invece, con Stefano Trinchera ci siamo sentiti telefonicamente: mi ha fatto molto piacere”.

Sogni per il futuro?
“Non vivo molto di sogni a lungo termine. Sono sempre proiettato sui sogni quotidiani e ho voglia di migliorarmi. L’aspirazione è quella di diventare un allenatore importante. Mi pongo sogni quotidiani”.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile