Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

…con Danilo Caravello

…con Danilo CaravelloTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
mercoledì 11 maggio 2022, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

“Inter-Juve? Quando giochi una partita unica è sempre bella, importante ed equilibrata. Saranno importanti episodi e condizione fisica e mentale. Per la Juve è un obiettivo primario, l’Inter è ancora in corsa per lo Scudetto”. Così a Tuttomercatoweb l’operatore di mercato Danilo Caravello.

Scudetto: Inter o Milan?
“Il Milan è ormai favorito. Il prossimo turno sarà decisivo. L’Atalanta si gioca tutto, il Cagliari - che sfiderà l’Inter - pure”.

Se vincerà il Milan lo avrà perso l’Inter o saranno più i meriti dei rossoneri?
“Lo vincerà chi avrà meritato. Il Milan è stato costante. Poi le difficoltà ci sono. Come rosa l’Inter è la più forte”

Pomini rinnoverà con la SPAL?
“Analizzeremo la cosa. Tra Fabio Lupo e Alberto Pomini c’è un rapporto che va al di là, una stima che parte da lontano. Chiaramente non ne abbiamo ancora parlato, a Ferrara Alberto si è integrato bene. La SPAL è ambiziosa. E Pomini ha ancora voglia di sentirsi importante”.

L’Alessandria di Barillà è retrocessa…
“Non ce l’aspettavamo. Quando c’è una retrocessione bisogno metabolizzarla per ripartire. È a scadenza, capiremo a breve le intenzioni”.

Manconi?
“Si è confermato anche quest’anno. Ha numeri da categoria superiore. È arrivato il momento che qualcuno si segga al tavolo dell’AlbinoLeffe”.

Massolo è diventato il portiere titolare del Palermo.
“Ha preso il posto da titolare in una piazza importante come Palermo. Ha sempre lavorato in silenzio e dato il massimo. Oggi raccoglie ciò che merita. Gli faccio l’in bocca al lupo. Il Palermo può arrivare più lontano possibile”.

Che mercato sarà il prossimo?
“Dopo due anni di semi buio potrà tornare ad essere un bel mercato. Ci sarà fermento, in campo, in panchina e dietro la scrivania. Mi auguro che si torni alla normalità: niente investimenti folli, ma sarà un bel mercato”.