Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw radio

Di Napoli: "Osimhen davanti da solo non basta al Napoli. Kim? Non mi fido troppo"

TMW RADIO - Di Napoli: "Osimhen davanti da solo non basta al Napoli. Kim? Non mi fido troppo"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
martedì 26 luglio 2022, 17:44Altre Notizie
di TMWRadio Redazione

A Maracanà, nel pomeriggio di TMW Radio, è intervenuto il tecnico ed ex attaccante Arturo Di Napoli.

E' più importante considerare gli 11 titolari o tutta la rosa?
"Difficilmente vedremo la stessa formazione, quindi meglio pensare a un collettivo al completo".

Chi è messo meglio finora in attacco e non solo?
"E' l'Inter quella messa meglio, ha la coppia Lautaro-Lukaku che hanno fatto già grandi cose ma ha anche Dzeko e Correa. Oggi Inzaghi ha la possibilità di variare i sistemi tattici. L'Inter insieme alla Juve è quella più attrezzata, perché anche i bianconeri davanti non scherzano. Il Napoli poi qualcosa davanti dovrà fare perché il solo Osimhen non può bastare"

E la Roma?
"Mourinho ha fatto fare a Eto'o quasi il terzino, non è detto che non possa schierare i quattro d'attacco tutti insieme. Su Dybala c'ha messo molto del suo Mourinho, per me sa tirare fori il massimo dai suoi calciatori e può farcela".

Napoli ridimensionato? E Mertens poteva rimanere?
"Mertens ha fatto grandi cose, ha dato tanto ma ho dei forti dubbi che Spalletti si sia strappato i capelli per questa perdita. Credo lo abbia fatto per Koulibaly. Kim? Non mi fido troppo. Il calcio italiano è molto complicato e ambientarsi non è semplice. L'età e la forza fisica sono dalla sua parte, inoltre è di grande prospettiva".